Luciano Marchi – Newsletter del 04/12/2013 Auguri con una fotografia

2013/12/04, Porretta Terme – Newsletter del 04/12/2013 Auguri con una fotografia

NEWSLETTER DEL 04/12/2013
      AUGURI, CON UNA FOTOGRAFIA
Voglio farti un regalo Qualcosa di dolce, qualcosa di raro Non un comune regalo Di quelli che hai perso, o mai aperto, o lasciato in treno, o mai accettato.Di quelli che apri e poi piangiChe sei contenta e non fingiIn questo giorno di metà settembreTi dedicheròIl regalo mio più grande.[Tiziano Ferro]
Per Tiziano Ferro siamo a settembre, non come noi che, vicini al Natale, entriamo in un clima di auguri e regali.
Eppure, sì: l’esigenza è quella; tutte le volte, a dicembre, occupiamo i nostri pensieri per un dono da farsi, che vorremmo appunto bello, raro, non comune.Gli auguri seguono un po’ la stessa via; anche se spesso li rivolgiamo (ahimè) passivamente, per la ragione che vanno fatti e basta, istintivamente.

Il futuro, in realtà, ci chiederebbe tante cose: perché a esso stiamo rivolgendo molte aspettative.
Innanzitutto vorremmo cambiasse, in bene è ovvio; ma anche nella direzione, nei contenuti.
Qualcosa deve accadere, come nell’Anno che Verrà (la canzone) o anche all’interno della prefazione dell’omonimo libro, quello presentato lo scorso anno.

 

 

Di fatto musica, testi e fotografie seguono la stessa via, che porta a un augurio indiretto per quanto sarà, magari scrivendo a un amico lontano (ce ne è uno anche nel libro), al quale raccontare con la mente ed il cuore: perché “ci stiamo preparando, e questa è la novità”.

E la fotografia?

Diciamo che l’abbiamo bistrattata a lungo, dimenticandola nel cassetto (magari quello buono), dove le cose si scoprono per caso.
Eppure per tanto tempo l’immagine aveva rappresentato molto, per il fatto stesso di esistere. In essa è riscontrabile il consolidato, in dato tangibile; così le fotografie si spedivano da ogni dove: dal fronte, durante un viaggio, persino dall’altra parte dell’oceano. “Siamo qui”, alludevano; e l’augurio era implicito: “Speriamo lo stesso sia per voi”.

Già, l’augurio.
Pur avendole viste più volte, solo oggi ci rendiamo conto come la “foto dell’emigrante” non chiedesse nulla; e nemmeno lo faceva quella spedita dalla trincea.
Entrambe desideravano il meglio per chi avesse visto o letto, riferendosi al tempo a venire.

Un piccolo accenno storico concedetecelo.
La fotografia, già dalla sua nascita, ha occupato spazi importanti nelle arti figurative. Il paesaggio è stato la prima area di lavoro dei neo fotografi, ma anche il ritratto era lì vicino, a ruota.
Il Click, sin da subito, ha rappresentato la libertà, la possibilità di dedicare ad altri (e molti) il contenuto della propria immagine e quanto avrebbe rappresentato.
Non si trattava di vanità, ben inteso; ma di senso di appartenenza, di un modello comportamentale nuovo e rivoluzionario. Il massimo lo si ottenne con André Adolphe Eugène Disderi. Costui inventa le “carte de visite”, piccole fotografia ottenute con una fotocamera a più obiettivi. Siamo nella seconda metà dell’800.

 

Le fotografie di Disderi hanno ritratto un mondo: nobili, artisti di teatro, cantanti, celebrità di qualsiasi tipo.
Da loro abbiamo imparato molto e, forse, ne abbiamo ricevuto quel messaggio augurale che noi stessi vorremmo dedicare agli altri e al futuro. A titolo di cronaca (e di merito) citiamo un altro fotografo, questa volta tutto italiano: Alessandro Pavia. Aveva uno studio fotografico a Genova, ma con il metodo delle Carte de Visite immortalò tutti i “mille”: quelli della spedizione, appunto.

Non vogliamo dilungarci oltre, tralasciando gli ambiti storici.
Crediamo comunque che occorra far proprio il nostro tempo, regalandone testimonianza.
L’augurio, dicevamo, procede da sé; ed è implicito nel contenuto dell’immagine.

E allora? Per una volta, perché non regalare una fotografia?
Magari ben stampata?
O incorniciata a dovere?

Chi riceverà il nostro presente ce ne sarà grato, perché avrà tra le mani qualcosa di “dolce” e di “raro”.

Lo stesso dicasi per un album a tema, farcito di fotografie: lì addirittura c’è il racconto, quello che riguarda lui/lei e noi; insieme.

Un Natale fotografico, ecco sì: questo ci sentiamo di augurare.
Gli auguri, quelli classici, li scriveremo una prossima volta:
per noi, per tutti, per l’Anno che Verrà.

 

Luciano Marchi

Ed ecco alcune idee regalo che Foto Marchi vi propone e che sono disponibili presso il punto vendita di p.zza Libertà 74 a Porretta Terme.
Questi prodotti fondono assieme il tema fotografico, la storia e gli aspetti magari non sempre conosciuti del nostro territorio .

 L’ANNO CHE VERRA’, UN LIBRO PER GUARDARE, LEGGERE,
PENSARE AL DOMANI
 

per maggiori info, clicca qui  
                         

Un viaggio per tutte le stagioni, dato che non c’è un periodo dell’anno più adatto di altri per visitare questo splendido pianeta, attraverso le immagini di due fotografi.

    per maggiori info, clicca qui

Un’opera così umana quale la Transappenninica diventa, anche dopo 150 anni, il teatro ideale per un racconto fotografico sulla ferrovia Bologna – Pistoia.

per maggiori info, clicca qui

Questo è l’ormai classico calendario che ogni anno proponiamo, per far scoprire o solo rivedere i nostri magnifici luoghi

 

  per maggiori info,  clicca qui

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.<br>Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,<br>acconsenti all'uso dei cookie.<br> Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi