La propaganda e l’organizzazione fascista a Vergato negli anni 20/30

VN24_20160829_Vergato_Propaganda fascista_Raduni_0062016/08/29, Vergato – Dopo l’invito che avevamo lanciato tempo fa di non buttare ma aprire i cassetti del periodo fascista vergatese, ecco una risposta, materiale per un approfondimento necessario ma utile alla ricostruzione di quel periodo. Due immagini relative alla propaganda e alla organizzazione fascista a Vergato negli anni 20/30, che come si può vedere dalle due immagini coinvolgeva non solo i giovani, ma tutti gli uomini e le donne di ogni età e condizione sociale, naturalmente ben separati e divisi e con tutte le loro divise!

Nella prima solo uomini, giovani e ragazzi sulla scala della scuola elementare nel 1929 durante un presumibile raduno del sabato fascista.

VN24_20160829_Vergato_Propaganda fascista_Raduni_005Nella seconda, solo donne, giovani e meno giovani davanti al Comune, tutte con le loro divise in occasione di qualche ricorrenza.

Sarebbe interessante approfondire,magari con qualche testimonianza, cosa stavano a significare quelle divise e quei costumi, nel frattempo abbiamo raccolto questi indizi per un eventuale approfondimento documentale per meglio comprendere quel periodo.

L’indottrinamento dei giovani da parte del partito fascista cominciava presto. Tutti i giovani dai 6 ai 21 anni erano inquadrati nella Gioventù del Littorio che aveva per motto: CREDERE, OBBEDIRE, COMBATTERE.

vn24_20160913_vergato_tessere-balilla_002All’eta di 6 anni bambini e bambine venivano inquadrati nei Figli della Lupa; all’età di 8 anni i primi diventavano Balilla e le seconde Piccole italiane a seguito di specifico e solenne giuramento che si prestava nelle ore di scuola e che recitava:

Nel nome di Dio e dell’Italia giuro di eseguire gli ordini del Duce e di servire con tutte le mie forze e, se necessario col mio sangue, la causa della rivoluzione fascista”

L’inquadramento proseguiva nel modo seguente: a 14 anni i ragazzi diventavano Avanguardisti e le ragazze Giovani italiane, a 21 si diventava Giovani Italiani e Donne Fasciste con compiti e divise distinte e separate.

vn24_20160913_vergato_tessere-balilla_001Le due foto presentate danno conto dei vari raggruppamenti con le relative divise distinte per età e grado. Nella foto delle donne davanti al comune di particolare interesse sono le Massaie Rurali con i costumi colorati ed i fazzoletti in testa. Nell’ organizzazione fascista femminile delle Massaie Rurali venivano associate le donne dei Comuni rurali, figlie o mogli di proprietari terrieri, coltivatori diretti, coloni o mezzadri, operai agricoli, con l’età per essere ammesse ai fasci femminili.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi