100 km del Passatore – Vito Melito vinse 4 volte 1976-1977-1978-1981

2024/03/04, Bologna – Vito Melito vinse 4 volte la 100km del Passatore (1976-1977-1978-1981)

È stato anche Primatista Italiano dei 50 Km in 2h59’44”

La 100km del Passatore da Firenze a Faenza sempre più una gara obiettivo di tanti runner e ultrarunner. Si corre ogni anno l’ultimo fine settimana di maggio da oltre 40 anni, decine di anni fa i protagonisti erano Vito Melito (classe 1945) che l’ha vinta 4 volte e i tre fratelli Gennari di cui 2 gemelli Elvino e Loris che arrivavano spesso a podio, soprattutto Elvino più volte arrivato secondo.

Il 30 maggio 1976, Vito vince la 100 km del Passatore in 7h07’46”, precedendo Elvino Gennari 7h23’08” e Aldo Novacco 7h33’31”, quarto Erio Rurini 7h45’30”. La prima donna è stata Renata Ortolani in 12h56’51”.

Anche l’anno successivo, il 28 maggio 1977, Vito è stato il più forte alla 100km del Passatore. Una gara spettacolare con tanti colpi di scena dove Elvino era al comando a Brisighella con 5’23” di vantaggio su Vito e al passaggio del 100°km ottenne anche la miglior prestazione al mondo con un crono di 6h20’35”. Ma la gara era di 107km e nell’ultimo chilometro fu sorpassato da uno splendido Vito Melito che ha bissato la vittoria dell’anno precedente.

Interessanti le parole di Renato Cavina in un suo articolo: “Una conclusione incredibile! Vito Melito, staccato di 5’23” a Brisighella e di 4’ ad Errano, è riuscito a bruciare nell’ultimo chilometro un Elvino Gennari che aveva dato l’impressione di tenere la corsa in pugno e che invece è giunto all’arrivo stremato, quasi a far ricordare l’episodio olimpico di Londra legato a Dorando Petri. Tre uomini sotto le sette ore in questa galoppata di 107 chilometri, tre uomini a tempo di record con vito Melito che, per la prima volta nella storia della 100 chilometri del Passatore, ha bissato il successo, ripetendo – anzi migliorandola – la formidabile impresa di un anno fa.”

Quell’anno tre atleti riuscirono a concludere la gara di 107 chilometri sotto le 7 ore: Vito Melito in 6h50’02”, Elvino Gennari 6h52’12” e Paolinelli Olimoio 6h58’12”.

Olimpio Paolinelli (classe 1936), nell’edizione precedente del Passatore del 1976 aveva condotto la gara fino alla maratona con un vantaggio di 15’ e poi si è fermato. Ex ciclista professionista, era il più giovane di 12 fratelli e doveva coniugare l’attività ciclistica con il lavoro nei campi. Iniziò a dedicarsi alle corse podistiche con il G.S. Orecchiella, conquistando nel 1972, 1973 e 1975 il titolo italiano corsa in montagna in staffetta assieme a D. Santi e G. Tagliasacchi.  Venne più volte convocato nella nazionale italiana. Vinse la settima edizione della Scalata al Monte Faudo il 9 giugno 1974, valida anche come campionato italiano di corsa in montagna per la categoria amatori, in 1h36’46”, precedendo Galizzi Pietro (Libertas Sesto S. Giovanni) 1h38’54” e Lotti Roberto (G.S.Orecchiella Garfagnana Lucca) 1h 41’02”. Il 14 novembre 1976 vinse la maratona di Firenze in 2h22’51”.

Il 28 maggio 1978, Vito vince per la terza volta consecutiva il Passatore con l’ottimo crono di 6h40’31”, precedendo per tre volte consecutive Elvino 6h45’31”, completa il podio Loris 7h06’35”. Vince la gara femminile la svizzera Edith Holdener, classe 1932, in 9h30’01”,

Il 26 maggio 1979, Vito si classifica al 2° posto al Passatore, in 6h52’33”, stesso tempo ci mette il vincitore Donald A. Ritchie, completa il podio il canadese Richard Chouinard 7h10’41”, resta giù dal podio Loris 7h13’41”. Vince la gara femminile, bissando la vittoria dell’anno precedente, Edith Holdener (47 anni) in 9h31’22”.

Il 30 maggio 1981, Vito fa poker vincendo per la 4^ volta il Passatore e conquistando il titolo di Campione del mondo in 6h53’15”, a seguire i gemelli Elvino e Loris con i crono rispettivamente di 7h11’24” e 7h25’57”. Vince la gara femminile Giuseppina Randi in 9h59’43”, precedendo Giovanna Gaiardi 11h20’ e Anna Messina 11h39’.

Il 26 maggio 1984, Fausto Coletti vinse la 12^ edizione del Passatore in 6h52’44” precedendo Jean-Marc Bellocq 6h56’00” ed Elvino Gennari 7h11’58”, a seguire Pietro Gennari 7h23’53”. Vito Melito si è classificato in 12^ posizione in 8h03’09”. La prima donna è stata Anna Zacchi in 9h29’51”.

Vito Melito si era trasferito a Bologna e aveva fondato l’Atletica Melito. Il 22 luglio 2023, all’interno del parco Nicholas Green, dove allenava i suoi ragazzi, gli è stata dedicata una targa alla presenza dell’assessora allo sport Roberta Li Calzi.

Di seguito le parole di Duccio Nicola Cerfogli: Ieri, 22 luglio, è stata una giornata che rimarrà nella storia. Sì, ieri è stata inaugurata la targa in memoria di Vito Melito nel parco Nicholas Green … cerimonia ove hanno partecipato la Presidente del quartiere Elena Gaggioli, l’Assessora allo Sport del Comune di Bologna Roberta Li Calzi quali rappresentanti dell’Amministrazione Comunale, ma anche Rita, la moglie di Vito con i figli e i nipoti, oltre che i fratelli Elvino, Loris e Pietro Gennari che sono stati degli atleti che gareggiavamo assieme a Vito… Oltre a tutto questo, ieri sono stati presenti tutti gli atleti della ex Atletica Melito, con la loro canottiera arancione, anche loro a testimoniare il loro affetto per quell’uomo che è stato molto più di un Allenatore. Ed ecco che, in questa cornice unica c’è stato spazio anche per noi, per la nostra Podistica Pontelungo che ha fortemente voluto questa targa in memoria di Vito assieme a tutti gli ex tesserati dell’Atletica Melito che sono venuti a fare parte della nostra squadra …”.

Successivamente è stato il tassinaro di Roma Giorgio Calcaterra che è passato agli onori della gloria con il suo strapotere di campione incontrastato soprattutto sulla distanza di 100km vincendo per 12 volte consecutive la 100km del passatore da Firenze a Faenza e tre volte campione al mondo.

Insomma, l’Italia può vantare dei campioni del passato e dei campioni attuali, importante e renderne merito e fare in modo che le loro esperienze siano di insegnamento alle nuove leve trasmettendo il messaggio che la fatica ti permette di sperimentare successo, fiducia in se stessi, incrementare autoefficacia.

La fatica, l’impegno, la determinazione permettono di superare anche momenti di sconforto quando si subisce una sconfitta o un infortunio ma si può sviluppare la resilienza e andare avanti cavalcando l’onda del cambiamento apprendendo dall’esperienza.

Il pensiero di fare una 100km si innesta in alcuni atleti come un virus anche se gli allenatori li scoraggiano perché la preparazione è lunga, dura e faticosa e dispiace vederli rallentare i ritmi di corsa, i ritmi per forza di cosa devono rallentare. Ma l’essere umano è strano cerca sfide con se stesso, vuole esplorare il mondo che lo circonda ma anche il suo mondo interno.

Le gare di ultramaratona mettono alla prova fisico e testa, si tratta di praticare sport per ore continuate affrontando fatica estrema e a volte anche salite lunghe che lasciano sfiniti alla fine della lunga gara.

A volte lo sport fa sentire campioni, a volte si fanno degli incontri preziosi, a volte per raggiungere risultati bisogna affidarsi a bravi preparatori e avere un team che sostiene e supporta.

Francesco Lupo ha incontrato sulla sua strada Vito Melito e anche grazie a lui è riuscito a indossare la maglia azzurra della nazionale 100km:

Qual è stato il tuo percorso per diventare atleta?Ho sempre amato lo sport, soprattutto l’atletica. Anche se mi sono avvicinato a quest’ultima soltanto 6 anni fa. Ho iniziato come tanti, le prime corsette, qualche “tabella” di allenamento fai da te, la prima 21km fatta insieme a un’amica come sfida. Poi la passione per la corsa è cresciuta sempre più e nel 2013 mi sono tesserato per una squadra (l’Atletica Melito). Lì ho conosciuto Vito Melito che mi ha trasmesso ancor più voglia di macinare km, seguendomi per 4 anni e insegnandomi tanto.”

Dietro grandi prestazioni ci sono grandi atleti ma è vero anche che dietro grandi atleti ci sono grandi ex atleti che hanno fatto parte la storia dello sport e in particolare della 100km. Ho avuto l’onore e la sorpresa di conoscere Vito Melito il 29 settembre 2013 alla 34^ Corsa podistica Città di Lugo – km 9,80 dove ho comprato un paio di scarpe da lui che poi ho scoperto essere un recordman della 100km e scrittore di un libro sulla 100km che ho visto in una libreria dove presentavo un mio libro.

Vito Melito è nato ad Ariano Irpino (Avellino) il 24.4.1945, si è laureato in Filosofia, ha iniziato l’attività sportiva con la maglia del C.S.I. Ariano.

Vito è stato anche Primatista Italiano dei 50 Km in 2h 59’44”.

Vito ha scritto i seguenti testi: “Invito alla corsa. Vademecum tecnico-culturale per il corridore dilettante e non”, Melito Vito, Orzeszko C. (cur.) edizioni Bud Press, 2018 e “Cento chilometri: allenamento e alimentazione”, Melito Vito, Somenzini Lorenzo, edizioni Sport Italia.

Vito è menzionato nei miei libri:

“La 100km del Passatore. Una gara fra coraggio e resilienza”, Edizione Psiconline.

https://www.unilibro.it/libro/simone-matteo/100km-passatore-gara-coraggio-resilienza/9788899566258

“Il piacere di correre oltre” (Il piacere di correre oltre dal punto di vista di uno psicologo dello sport).

Sport & benessere 15 | ed. novembre 2022.

In linea di massima, la passione della corsa permette alle persone di mettersi alla prova, di condurre un sano stile di vita, di salire su un treno fatto di fatica e gioie, di relazioni, di mete e obiettivi da costruire, di situazioni da sperimentare. Bisogna sviluppare consapevolezza delle proprie risorse e capacità, ma anche dei propri limiti: è necessario consolidare questi concetti per mantenere un buon equilibrio. Nel nuovo libro di Matteo Simone Il piacere di correre oltre, l’autore riprende la sua consuetudine di parlarci di sport soprattutto attraverso il dialogo con gli atleti.

Leggere il testo di Matteo Simone ci permette di conoscere alcune dinamiche psicologiche che forse ignoriamo o per lo meno di cui non siamo consapevoli. L’autore nota che ciascuno di noi, se lo vuole, può riuscire a raggiungere i propri obiettivi nello sport come nella vita, e così diventano più addomesticabili e gestibili, la fatica e la paura; al contempo si rafforza la mente, si eleva l’autoefficacia personale e si sviluppa la resilienza.

Matteo SIMONE

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Leave a Reply

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.<br>Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,<br>acconsenti all'uso dei cookie.<br> Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi