Ferdinando Petri – Per non dimenticare

Gruppo della Protezione civile di Vergato a Monte Gallo

2017/07/10, Vergato – Ferdinando Petri invia queste considerazioni su un tema da “non dimenticare”, il rischio terremoto.

Un anno fa, più o meno di questi tempi (per la precisione in agosto, ma i primi segnali furono rilevati dagli strumenti a fine luglio) la terra tremò e ci fu il disastroso terremoto che colpì Amatrice, Norcia e altri paesi delle province di Macerata, Perugia e l’Aquila.

Tanti morti, tanta distruzione. Come al solito, chi era al potere si ubriacò di promesse: “Ricostruiremo tutto!” La settimana scorsa sono arrivate le orime casette prefabbricate…

Poi cominciarono le litanie dei vari politici, degli esperti, dei dirigenti e dei direttori, tutti lì a parlare di PREVENZIONE, di MESSA IN SICUREZZA, di RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO. E la nostra poderosa regione, faro d’Italia, non fu da meno, varando con i soldi del Dipartimento della Protezione Civile un Piano di contributi per la PREVENZIONE DEL RISCHIO SISMICO SU EDIFICI PRIVATI http://www.comunecamugnano.gov.it/upload/camugnano/documentiallegati/ContributiOCDPC344-2016_Volantino_13660_1406.pdf

Bellissimo, penserà qualcuno.

Peccato che per questo scopo, che a chiunque appare grandioso, le risorse a disposizione siano di appena 2 milioni e 290 mila euro sull’intero territorio regionale.

Non è finita qui: peccato, ancora, che i proprietari di case, destinatari delle risorse, siano solo quelli residenti nei Comuni di Bardi, Valmozzola, Berceto, Corniglio, Monchio delle Corti e Palanzano in provincia di Parma;

Frassinoro, Pievepelago, Riolunato, Fiumalbo e Fanano in provincia di Modena;

e finalmente Lizzano in Belvedere, Alto Reno Terme, Castel di Casio, Camugnano, Castiglione dei Pepoli, San Benedetto Val di Sambro, Monghidoro e Loiano in provincia di Bologna. Avete letto bene: non c’è Vergato nè Grizzana Morandi, e neanche Castel d’Aiano o Marzabotto, nè Monzuno. Tra l’altro, per i Comuni del bolognese le risorse a disposizione assommano a 1 milione e 429.000 euro. Con molti limiti: per le demolizioni e ricostruzioni il limite del finanziamento è di 40.000 euro per ogni unità immobiliare (ma con 40.000 euro cosa si può demolire e ricostruire? un garage, non certo una casa…).

Comunque, siamo messi così. Lo Stato, e di seguito la regione, ha destinato a chi vuol mettere in sicurezza la propria casa, una manciata di spiccioli, da dividere tra i cittadini di pochi Comuni. Cittadini che comunque dovranno faticare non poco per districarsi tra i vari passaggi tecnico-burocratici e arrivare a prendere qualche soldo . Questo, ad esempio, era il bando di Camugnano, scaduto da poco: http://www.comunecamugnano.gov.it/upload/camugnano/documentiallegati/doc06061620170505125341_13660_1404.pdf.

Auguri a tutti noi, e speriamo che la terra si metta tranquilla e non tremi più.

Ferdinando Petri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Al fine di evitare spam tra i commenti vi invitiamo ad inserire la stringa che vedete qui rappresentata nello spazio successivo.

Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input
 = 
Grazie della collaborazione.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi