Vergato dalle radici a una nuova identità

Ricerca_10062014/09/29, Vergato – Dopo la presentazione fatta  Sabato 26 aprile 2014, in Biblioteca, della ricerca ecco il lavoro in un volume.

Il Comune di Vergato vi invita Sabato 4 ottobre 2014, ore 17.00 presso la Sala Consiliare, Palazzo Comunale, Piazza Capitani della Montagna a Vergato, alla presentazione del volume:

“Dalle radici a una nuova identità: Vergato tra sviluppo economico e cambiamento sociale”, a cura di Eloisa Betti e Carlo De Maria, ed. Bradypus, 2014.

Saluti di:
Massimo Gnudi – Sindaco di Vergato
Ilaria Nanni- Assessore alla Cultura
Viviano Fiori – Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Vergato

Dialoga con Eloisa Betti e Carlo De Maria, curatori del libro:
Andrea Marchi – Vicepresidente Istituto Parri Emilia-Romagna

Le fotografie utilizzate provengono principalmente dai siti; Sei di Vergato se… e VergatoNews24.it, oltre che da altri fornitori… a dimostrazione dell’utilità di  “tirare fuori dai cassetti” le foto e condividerle per portarle a conoscenza di tutti. 

Ricerca Eloisa Betti-1

Foto di repertorio, presentazione della ricerca

Questo libro indaga le trasformazioni che hanno interessato Vergato dalla Liberazione a oggi, con particolare attenzione all’economia e alle sue connessioni con l’ambito socio-demografico, lavorativo e politico-amministrativo. Una sensibilità particolare è stata riservata alla dimensione di genere, al fine di valorizzare, anche a grazie a interviste a testimoni e protagonisti, il contributo di uomini e donne nella costruzione e sviluppo della collettività. Attraverso fonti d’archivio e statistico-economiche si è ricostruito il percorso che ha portato all’assetto odierno del Comune e del suo territorio, riflettendo sui cambiamenti che hanno inciso sull’identità di questa comunità appenninica. A partire dalla consapevolezza dei punti di forza e di debolezza del territorio, così come si sono manifestati tra XX e XXI secolo, sarà forse più facile provare a pensare un nuovo sviluppo locale.
Eloisa Betti (Bologna 1981) è dottore di ricerca in Storia d’Europa. Attualmente è titolare di un assegno di ricerca presso l’Università di Bologna, dove lavora al progetto “Donne, lavoro, diritti e politiche di genere a Bologna”. Ha scritto vari saggi sulla storia delle donne e del lavoro, in italiano e in inglese. Recentemente, ha pubblicato con Elisa Giovannetti per Editrice Socialmente il volume: Senza giusta causa. Le donne licenziate per rappresaglia politico-sindacale a Bologna negli anni Cinquanta (2014).
Ricerca_1007Carlo De Maria (Bologna 1974) svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna e presiede l’associazione di ricerca storica Clionet. Nel 2013 ha conseguito l’Abilitazione scientifica nazionale alla docenza universitaria come Professore associato di Storia contemporanea e di Storia delle dottrine e delle istituzioni politiche. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni sui temi della storia del socialismo, dell’associazionismo popolare, delle autonomie e dell’intervento sociale. Nel 2009 ha vinto il premio Anci-Storia con il volume Alessandro Schiavi. Dal riformismo municipale alla federazione europea dei comuni (Clueb).

Gli altri autori
del volume: Tito Menzani (Bologna 1978) è professore a contratto di Storia economica e Storia d’impresa presso l’Università di Bologna; Matteo Trailo (S. Benedetto del Trento 1976) è dottore di ricerca in Storia economica e ricercatore-archivista libero professionista.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi