I Carabinieri informano – Due giovani arrestati per estorsione in concorso a Vergato

VN24_carabinieri-Vergato copia2016/03/16, Vergato – Due giovani arrestati dai Carabinieri per estorsione in concorso.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Vergato hanno arrestato due italiani, un 23enne e un 18enne per estorsione in concorso.

La vicenda ha inizio la scorsa estate, quando un 24enne, residente nel bolognese, aveva deciso di acquistare una pistola con matricola abrasa per andare a sparare nel bosco. Considerata l’illegittimità della richiesta, il giovane si rivolgeva ai due soggetti perché sapeva che, in un modo o nell’altro, lo avrebbero accontentato. Qualche giorno dopo, però, l’acquirente, resosi conto di aver fatto una stupidaggine, contattava nuovamente i due venditori annullando l’ordine. Una scelta saggia che non poteva concludersi con un semplice: “Grazie per l’interessamento”, anzi, trattandosi di un’arma clandestina e non di un oggetto comune, come un paio di scarpe, era destinata ad avere delle conseguenze. I due ragazzi, infatti, decidevano di farsi saldare lo stesso attraverso una serie di minacce che mettevano in atto nei confronti del 24enne. A quel punto, la vittima si vedeva costretta a consegnare quanto richiesto: 900 euro.

La settimana scorsa, quando la questione sembrava ormai risolta da tempo, i due soggetti si sono avvicinati al 24enne con aria minacciosa e gli hanno chiesto altri 1.500 euro. Spaventato e temendo per la propria incolumità, il giovane si è rivolto ai Carabinieri e ha raccontato tutta la storia, aggiungendo, inoltre, che il pagamento sarebbe avvenuto nei pressi di un esercizio commerciale di Vergato. L’appuntamento veniva fissato per le ore 18:30 di venerdì 11 marzo. Anche i Carabinieri si sono recati all’incontro e hanno atteso lo scambio da una posizione defilata. Non appena il 24enne ha estratto le banconote e le ha consegnate ai due malviventi, è scattato l’arresto. Il 23enne ha numerosi precedenti di polizia per reati contro la persona, il patrimonio e in materia di sostanze, mentre il 18enne ha soltanto due precedenti di polizia per maltrattamenti in famiglia e furto. Durante una perquisizione domiciliare che i Carabinieri hanno eseguito a casa dei due soggetti arrestati, è stata rinvenuta, a casa del 18enne, una pistola “scacciacani” priva del tappo rosso, mentre presso l’abitazione del 23enne, un coltello, presumibilmente lo stesso che in origine era stato utilizzato per minacciare il 24enne.

L’arresto è stato convalidato e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, il 18enne è stato messo agli arresti domiciliari, mentre il 23enne è finito in carcere.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi