Elisoccorso notturno, primi interventi nell’Appennino bolognese

2018/10/05, Vergato – Elisoccorso notturno, primi interventi nell’Appennino bolognese. 

Il nuovo elicottero a disposizione del servizio sanitario regionale può atterrare anche di notte: primi due interventi nei comuni dell’Unione dell’Appennino bolognese a Castel d’Aiano e Camugnano. La soddisfazione di Salvatore Argentieri, sindaco di Castel d’Aiano: servizio prezioso. 

Avviato il 15 agosto, il nuovo servizio regionale di elisoccorso notturno è già stato utilizzato due volte nei comuni dell’Unione dell’Appennino bolognese, a Castel d’Aiano e Camugnano.

Secondo i dati forniti dalla Regione Emilia-Romagna il nuovo elicottero tra il 15 agosto e il 30 settembre si è alzato in volo per effettuare, in media, oltre un intervento a notte. Nella maggior parte dei casi per prestare soccorso per gravi traumi, patologie neurologiche o cardiovascolari, situazioni in cui ridurre al massimo il tempo di intervento e trasporto è determinante. La principale destinazione di arrivo dei pazienti è l’ospedale Maggiore di Bologna. Il trasporto in elicottero si coordina ovviamente con quello delle ambulanze o delle auto mediche che trasportano il paziente nella piazzola di atterraggio più vicina.

L’elicottero è dotato di tecnologia NVG (Night Vision Goggles) cioè visori a intensificazione di luce posizionati sui caschi dei piloti. In questo modo è possibile intervenire in piena sicurezza anche nelle basi di decollo e atterraggio non illuminate, con modalità analoghe a quelle diurne. Per evidenti motivi logistici il servizio è particolarmente prezioso nei territori montani: su tutto il territorio regionale sono state attivate 119 basi di decollo e atterraggio notturno, di cui la metà in zone montane.

Nel Distretto socio-sanitario dell’Appennino bolognese le nuove basi di atterraggio, corrispondenti spesso a campi sportivi, sono state attivate in tutti i comuni, e anzi sono in espansione per cui non è da escludere che alcuni comuni ne abbiano più di una. Come spiega il presidente del distretto Marco MastacchiPer i comuni montani il servizio è essenziale, con l’Ausl abbiamo fatto un lavoro approfondito per individuare quante più alternative possibili. In questi giorni con l’elicottero stanno sperimentando diverse soluzioni per cui non è da escludere che il numero dei punti di atterraggio cresca in futuro”.

È ovviamente molto contento il sindaco di Castel d’Aiano Salvatore Argentieri: Per la comunità di Castel d’Aiano l’attivazione di questo servizio notturno è una notizia fondamentale che ci fa tirare un sospiro di sollievo. Il nostro infatti è un comune piuttosto isolato, distante dagli ospedali e dalle principali strade metropolitane: sono convinto che questo elicottero potrà salvare molte vite” commenta soddisfatto il primo cittadino.

Fonte e foto; Ufficio Stampa Unione dei comuni dell’Appennino bolognese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Al fine di evitare spam tra i commenti vi invitiamo ad inserire la stringa che vedete qui rappresentata nello spazio successivo.

Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input
 = 
Grazie della collaborazione.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi