“Vite in gioco”: al via uno sportello del Distretto dell’Appennino per prevenire le ludopatie

2019/01/07, Vergato – “Vite in gioco”: al via uno sportello del Distretto dell’Appennino per prevenire le ludopatie. 

Il servizio partirà l’8 gennaio negli uffici della delegazione comunale di Vado di Monzuno ed è rivolto a giocatori patologici e familiari.

Uno sportello per prevenire e fornire informazioni sulle ludopatie: è il progetto sostenuto dai Piani di Zona del Distretto Socio-Sanitario dell’Appennino bolognese, in collaborazione con l’Ausl.

Un ufficio presso la delegazione comunale di Vado di Monzuno riceverà giocatori, familiari, conoscenti e persone direttamente coinvolte nel problema del gioco d’azzardo patologico per orientarli e indirizzarli sui servizi disponibili sul territorio, dagli sportelli sociali, che possono fornire un quadro sui possibili strumenti di sostegno economico, ai servizi sociali professionali che quando è necessario possono indirizzare a strumenti sanitari più specifici per la cura delle dipendenze. L’ufficio è aperto a tutti i cittadini del distretto e il servizio partirà martedì 8 gennaio.

Lo sportello prevede l’apertura per i primi tre martedì del mese fino a luglio e sarà co-gestito  da due attori: la Cooperativa sociale “Dai Crocicchi”, che si occupa di autonomia e integrazione sociale, housing sociale, minori e anziani, dipendenze, e l’Associazione UDI (Unione Donne in Italia) di Bologna, impegnata nel perseguire l’emancipazione femminile e la parità di genere.

Lo sportello del primo martedì del mese, dalle 15 alle 18, fornirà in particolare informazioni di natura legale grazie all’avvocato Camilla Zamparini dell’Associazione UDI di Bologna, cercando di prevenire il sovraindebitamento da parte delle famiglie dei giocatori e il rischio che finiscano preda dell’usura: viceversa gli appuntamenti del secondo e terzo mercoledì (dalle 10 alle 13) avranno un taglio più psicologico ed educativo, con l’obiettivo di stabilire un percorso di ascolto per giocatori e loro familiari che porti anche alla realizzazione di un gruppo guidato da un educatore e uno psicologo. Sarà inoltre messo a disposizione anche un servizio di consulenza telefonica al numero 349-7849183.

Il progetto è parte di un più ampio piano di azioni di contrasto al gioco d’azzardo patologico messo in campo dal Distretto Socio-Sanitario e Ausl finanziato dalla Regione Emilia-Romagna per una cifra di circa 45 mila euro che prevederà più avanti laboratori per scuole, sensibilizzazione degli esercenti dei locali, spettacoli cinematografici e teatrali sul tema.

«Il tema delle ludopatie è estremamente  serio e attuale» commenta Marco Mastacchi, il presidente del Distretto Socio-Sanitario dell’Appennino bolognese «perché comporta delle vere  dipendenze patologiche che hanno ripercussioni su chi è colpito e sui suoi familiari. Con questo servizio vogliamo lavorare sulla prevenzione e coinvolgere chi, per motivi di pudore, non ha ancora affrontato il problema. Non c’è nulla di cui vergognarsi, con il sostegno della comunità si può uscire da queste dipendenze prima che sia troppo tardi».

Fonte e foto; Ufficio Stampa Unione dei comuni dell’Appennino bolognese

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi