Notizie da Castiglione dei Pepoli e Monzuno – Apre l’Abetaia e cartoline in mostra

2019/04/05, Monzuno – A Monzuno una mostra dedicata alle cartoline d’epoca di Carmelo Nuvoli
 
Sarà inaugurata la mattina del 6 aprile alle 10,30 nella Biblioteca Mario Marri di Monzuno la duplice mostra “Prima guerra mondiale” e “Le opere di Giuseppe Verdi”. Chi vorrà potrà visitare l’esposizione e apprezzare così la raccolta di cartoline di Carmelo Nuvoli, collezionista che nella sua città natale, Isera (in Trentino) ha addirittura aperto un museo dove ne sono raccolte più di 35 mila, di tutti i tipi. Le cartoline che Nuvoli ha portato a Monzuno sono appunto quelle sulla prima guerra mondiale e sull’opera del musicista di Busseto.
 
Nel corso della mattinata inoltre il Comune di Monzuno consegnerà il “Premio Monte Venere” ai soci fondatori del Centro Studi “Savena Setta Sambro”: Daniele Ravaglia, Domenico Benni, Claudio Cappelletti, Eugenio Nascetti, Fabrizio Monari, Francesco Fabbriani, Antonio Fanti e Mauro Bacci.
 
Orari di visita:
Martedi e Giovedì 9 – 12 e 15 – 18
Sabato 9 – 12
La mostra rimarrà aperta fino al 21 Aprile. Per informazioni: 338/5055363

2019/04/05, Castiglione dei Pepoli – Riapre il rifugio dell’Abetaia a Castiglione dei Pepoli e grazie ai giovani del CAI si prepara ad accogliere gli escursionisti. 

Dopo anni di declino il rifugio tornerà ad essere un punto di riferimento per gli amanti della montagna e per gli escursionisti che percorrono la Via della Lana e della Seta tra Bologna e Prato. Il Comune l’ha ottenuto in comodato gratuito dall’ente proprietario, ha contribuito a ristrutturarlo e l’ha assegnato alla sezione locale del CAI.

Sarà riaperto domenica 7 aprile alle 16 il rifugio “Ranuzzi-Segni” o rifugio dell’Abetaia come è chiamato informalmente dai cittadini di Castiglione dei Pepoli, per i quali è stato a lungo un punto di riferimento: qui in effetti in tanti, residenti ed escursionisti, hanno imparato negli anni ad amare l’ambiente naturale della montagna.

Il programma della giornata prevede una camminata che parte alle 14 da Castiglione dei Pepoli, in compagnia del musicista Carlo Maver che eseguirà alcuni brani lungo il percorso. A seguire la cerimonia alla presenza del presidente dell’Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità – Emilia Orientale Sandro Ceccoli, del conte Vittorio Ranuzzi, presidente dell’ente no profit “Pro Montibus et Silvis”, del presidente dei CAI di Bologna Stefano Osti, del presidente del CAI regionale Vinicio Ruggeri. A fare gli onori di casa il sindaco di Castiglione dei Pepoli Maurizio Fabbri.

Il rifugio (la cui struttura attuale risale agli anni settanta) torna agli antichi splendori dopo un periodo di trascuratezza: situato sopra il centro abitato di Castiglione dei Pepoli, vicino al paese di Monte Baducco, è in una posizione strategica perché si trova proprio sulla Via della Lana e della Seta, il percorso per camminatori che unisce Bologna a Prato.

Grazie ad un accordo firmato nel 2017 tra il Comune di Castiglione e l’ente no profit “Pro Montibus et Silvis” proprietario dell’immobile, l’amministrazione comunale ha preso in gestione il rifugio, l’ha ristrutturato e l’ha assegnato tramite bando pubblico alla sottosezione dei CAI di Bologna “CAI Val Brasimone Roberto Venturi” Castiglione dei Pepoli. Si tratta di una realtà molto viva che negli ultimi anni ha visto una notevole crescita degli iscritti, in controtendenza nazionale, coinvolgendo anche ragazzi dei comuni vicini. In particolare sono una quarantina i più giovani, che si fanno chiamare “Folletti della montagna”, su circa duecento iscritti.

Oltre a ritornare alla funzione originaria di rifugio per camminatori, grazie ai soci CAI che si sono impegnati per pulirlo e arredarlo, nel rifugio saranno promosse attività legate ai temi dell’ambiente e della cultura di montagna per tutta la cittadinanza, con un occhio particolare rivolto ai più giovani. All’interno della sottosezione, infatti, ci sono diverse aree: chi si occupa della manutenzione e del ripristino dei sentieri, chi dell’organizzazione delle escursioni, chi delle attività culturali, chi dei più giovani.

Il Comune di Castiglione dei Pepoli, da parte sua, ha investito oltre 25 mila euro per ripristinare la fornitura d’acqua direttamente da una vicina sorgente naturale e realizzato anche un deposito per i mesi di secca. Oltre tutto tempo fa il Comune ha riconosciuto la cittadinanza onoraria a Padre Albino Marinolli, che sarà presente alla cerimonia di riapertura, appassionato escursionista che ha contribuito, negli anni in cui ha operato a Castiglione, a diffondere la passione per l’alpinismo tra i giovani che frequentavano l’oratorio.

Fonte e foto; Ufficio Stampa Unione dei comuni dell’Appennino bolognese

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi