La Ferrovia Porrettana; dal finestrino – Riola e la chiesa di Alvar Aalto

2019/11/01, Vergato – La storia della Ferrovia Porrettana non può non trattare le bellezze del paesaggio o i monumenti che ci offre la vista fuggevole da un finestrino.

Nel novembre del 1965, alla conclusione del Concilio Ecumenico Vaticano II, il cardinale Giacomo Lercaro, arcivescovo di Bologna e presidente del Centro di Studio e Informazione per l’Architettura Sacra, si incontrava a Firenze con Alvar Aalto, il famoso architetto finlandese, per conferirgli l’incarico di progettare la chiesa e l’intero complesso parrocchiale di Riola di Vergato, piccolo centro dell’Appennino bolognese, toccato dalla nostra Porrettana. All’arte si demandava di esprimere le nuove tendenze della liturgia, affidando la realizzazione della chiesa, spazio comunitario per eccellenza, ad un architetto che aveva sempre privilegiato gli spazi “rituali” dove l’uomo, il destino dell’uomo si narra e si rappresenta: il teatro, la biblioteca, lo stadio, la casa, l’officina, il cimitero, la chiesa, dove spettatore o protagonista, il “piccolo uomo” come dice Aalto, non è mai solo.

Tutta l’opera di Aalto testimonia il suo rispetto naturale e programmatico per il comunitario e il socializzante che superi, a qualsiasi livello di realtà, egocentrismo e individualismo.

La chiesa di Riola, che si scorge appena arrivati alla stazione, sorge in uno spazio culturale e ambientale di cui Aalto, prima di predisporre il progetto, volle appropriarsi.

Alla fine del ’66 Aalto presentò ufficialmente il progetto redatto per Riola. E’ più di una chiesa: è uno spazio pratico, fisico e contemplativo, che prevede sempre la comunicazione.

La chiesa, il sagrato, il campanile, la casa canonica, l’asilo, la casa di riposo per gli anziani e gli spazi per il tempo libero si rivelano immediatamente come un vero centro comunitario fruibile dall’intera popolazione.

La chiesa, aperta al culto nel giugno del 1978, pur in cemento armato, mantiene evidente la ispirazione alle forme lignee che Aalto ha recuperato ed esaltato in ogni sua opera. Anche qui la teatrale forma a ventaglio sia in pianta che in altezza, anche se appena accennata. Un teatro per predicare, come chiama Leonardo la chiesa. All’esterno la facciata asimmetrica è naturalizzata dall’ambiente circostante: una specie di zig-zag mima le curve del terreno; o allude alle onde del vicino Reno?

Il rivestimento della facciata e di quasi l’intero edificio è in pietra arenaria di Montovolo, il monte che sovrasta la vallata. La natura diventa architettura.

Il manto esterno della copertura, sinuosamente spezzata, con ampie vetrate solo da un lato — quasi dei lucernai — è a fogli di rame che catturano la luce e specchiano il paesaggio. Il campanile in cemento armato, a lame verticali, ricorda certi esperimenti di Aalto con il legno. L’interno, bianco, è una vera “trappola per la luce”: la luce-memoria degli spazi aperti e argentati della Finlandia o luce catartica? L’altare di marmo bianco, perno di questo spazio imprevedibile, sembra alludere ad un punto di fuga che si identifica col sacro.

Si sa che Aalto ha lavorato al progetto , fino a pochi giorni prima di morire e comunque la chiesa di Riola rimane l’ultimo messaggio della sua produzione creativa.

Che sia anche un testamento spirituale?

ANNA D’ANGELO – Voci della rotaia – Mensile delle Ferrovie dello Stato Anno XXII N.2 Febbraio 1979

Nelle foto dell’epoca; L’esterno della parrocchiale di Riola con la sua caratteristica struttura a ventaglio e un’immagine dell’interno che Aalto progettò per sottolineare il carattere collettivo della nuova liturgia.

Fonte; Archivio privato di Renzo Moschieri, per gentile concessione.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Al fine di evitare spam tra i commenti vi invitiamo ad inserire la stringa che vedete qui rappresentata nello spazio successivo.

Please type the characters of this captcha image in the input box
 = 
Grazie della collaborazione.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi