Le poesie di Bruna Gherardi – La guerra

VERGATO BOMBARDATA0001 copia2016/04/21, Vergato – 25 aprile 2016, mentre le celebrazioni del 25 Aprile si susseguono, ripercorriamo una vicenda vissuta in prima persona da Bruna Gherardi, scoperta poetessa solo in questi giorni, anche se mancata da tempo.

La guerra

Era cupa era fredda la sera
quando il paese divenne frontiera
Una alla volta durante la notte
qui bombardavano almeno tre flotte
Suonavano a stormo le nostre campane
dicendo alle genti andate lontane
La folla gridava e fuggiva pei campi
mentre i bengala facevano lampi
Rosso era il cielo e rombi di guerra
bagnata di sangue rossa la terra.

Come granelli cadevan le bombe
al cimitero crescevan le tombe
Le strade eran piene di corpi morenti
la gente impazzita cercava i parenti
Sul ciglio un bambino piangendo implorava
svegliate la mamma che prima giocava
Di cento altri mali eran tutti guariti
facevano a gara a curare i feriti
A casa tornavan col loro fardello
ma sempre qualcuno mancava all’appello;

E quando d’Aprile finì la bufera
era limpida e calda la sera.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi