I brasiliani ritornano a Castelnuovo con la colonna della Libertà

150423_FEB a Vergato2015/04/23, Vergato – Ritorna la Feb a Castelnuovo con la “Colonna della Libertà” o della pace. Nell’occorrenza del 70° della fine della seconda guerra mondiale i soldati brasiliani supestiti con le maggiori autorità militari brasiliane si sono ritrovati con le nostre autorità civili e militari per ricordare le battaglie sostenute, i feriti e le vittime di questa immane tragedia. Assieme alle immagini delle celebrazioni con mezzi, bandiere, discorsi e fanfare pubblichiamo le foto delle case distrutte nelle battaglia di Castelnuovo (Archivio; Alfredo Marchi) che meglio rendono l’idea alle nuove generazioni di cosa sia la guerra.

CASTELNUOVO0070 copia CA  BLA  CASTELNUOVO0065 copia CASTELNUOV  BOMBARDATA0062 copia CASTELNUOVO0066 copia CASTELNUOVO0067 copia CASTELNUOVO0068 copia CASTELNUOVO0069 copia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il video dell’intera celebrazione

Autorità Civili e Militari, cittadine e cittadini

Porgo a tutti voi il più caloroso benvenuto e il più sincero ringraziamento per la vostra presenza a Castelnuovo, per la celebrazione del 70° anniversario della battaglia combattuta dall’eroico esercito brasiliano per la nostra Liberazione . Castelnuovo è una piccola località della nostra montagna, ma ha per noi lo straordinario valore del luogo dove sì celebra il ricordo, la nostra grande riconoscenza e la nostra amicizia verso il popolo brasiliano.

E’ motivo di particolare orgoglio e di onore ia presenza qui oggi del Comandante dell’Esercito Brasiliano Eduardo Dias da Costa Villa Boas, de! Capo di Stato Maggiore Sergio Westphaien Etchegoyoen , del Generale di Squadra Aerea Gerson Nogueria Machado De Oliveira, del Generale di Brigata Marcio Tadeu Bettega Bergo.e dell’Addetto Militare Colonnello Mario Felizardo per rinnovare, insieme a noi, i vincoli di amicizia e di riconoscenza, che da tanti decenni legano la nostra gente al ricordo degli avvenimenti che videro italiani e brasiliani uniti, per difendere gli ideali di giustizia e libertà.

E noi, oggi, carissimi rappresentanti della nazione brasiliana vogliamo ricordare la nostra riconoscenza a tutti i componenti della FEB – la Forza di Spedizione Brasiliana, che partecipò generosamente, insieme all’esercito alleato alla liberazione del nostro paese e che tanti meriti ebbe nel ridare alle nostre comunità un futuro di pace, di democrazia e libertà.

Settanta anni fa, il nostro paese riconquistava la libertà, l’Italia e l’Europa venivano liberate dal nazifascismo.

-1-

Una liberazione che vide protagonisti, uniti nello stesso fronte e animati dai medesimi ideali, gli eserciti alleati e le formazioni parmigiane. La Feb collaborò molto con i partigiani; gli uomini della resistenza svolsero un ruolo importante, mettendo a disposizione dei brasiliani la profonda conoscenza dei paesaggio appenninico, contribuendo così alla riuscita di importanti missioni militari. Un importante contributo fu dato dai partigiani, anche per la riuscita dell’attacco a Castelnuovo, che proseguirono nella loro azione anche nella notte successiva.

L’aspetto più importante di questa collaborazione fu l’amicizia che si instaurò tra i due popoli : Brasiliani e Italiani andavano molto d’accordo , condividevano passioni e pensieri.

I soldati brasiliani svilupparono un’amicizia molto intensa con la popolazione dando spesso da mangiare e fornendo assistenza medica ai civili, I Brasiliani si sono contraddistinti per un modo di fare gentile e generoso, non da invasori.

A Voi quindi il nostro omaggio ed il segno caloroso e sincero di una profonda riconoscenza per il Vostro sacrificio e I’ impegno a non dimenticare, il sacrificio di tanti, che venivano da terre lontane, per riconsegnare a noi un futuro di speranza.

Castelnuovo rappresentò una posizione chiave delle difese tedesche per il controllo della statale porrettana,   venne   liberato il 5 marzo 1945 dai soldati della FEB dopo aspri combattimenti che si susseguirono per tutta la giornata . Poco dopo le 19 reparti del 6° reggimento entrarono nell’abitato di Castelnuovo , mentre i combattimenti nei dintorni si protrassero fino a sera .

-2-

La conquista del crinale di Castelnuovo non fu un episodio a sé stante. La posizione  serviva   per  proteggere  e  facilitare  l’attacco  della   1°   Divisione corazzata americana verso Vergato. Vergato che visse in modo drammatico gli anni della guerra e soprattutto quei terribili 20 mesi fra il settembre del 1943 e l’aprile del 1945. Dopo alcune settimane dalla presa di Castelnuovo.il  14 aprile Vergato fu raggiunto dalle truppe americane della Prima Divisione corazzata, sotto il fuoco dei cannoni e dei mortai tedeschi   appostati sul Monte Pero. Il 16 aprile il capoluogo  fu   definitivamente   liberato,   insieme  alle   località  e  alle   alture circostanti, compreso il giorno successivo Iole.

Quegli eventi dimostrano, quanto importante sia stato il sacrificio della FEB per ridare un futuro a questa terra.

E proprio per questo, ormai da molti anni, insieme, l’Amministrazione Comunale di Vergato e l’Addetto Militare dell’Ambasciata del Brasile in Italia, che ringrazio nuovamente, ricordano il contributo dato dall’Esercito Brasiliano alla Liberazione di Vergato, e insieme rendono omaggio alla piccola stele collocata a Castelnuovo e a quella collocata a Cereglio a ricordo dei caduti Americani e Brasiliani.

Dopo l’inaugurazione della targa ricordo del 70 ° anniversario della battaglia di Castelnuovo ci recheremo in altre due località: a Boscaccio e a Precaria. Nell’avamposto brasiliano del Boscaccio, probabilmente in occasione di un pattugliamento da parte dei tedeschi negli ultimi giorni di dicembre del 1944 si verificò uno scontro a fuoco che lasciò sul terreno due morti brasiliani e due tedeschi.

-3-

Nel borghetto della Precaria a poche centinaia di metri in direzione del crinale di Castelnuovo di fronte al Boscaccio anch’esso teatro di pattugliamenti e scontri invernali,  il 24 gennaio  1945  rimasero  uccisi tre soldati  brasiliani  del  1° reggimento,

Ai primi di marzo, nei giorni successivi alla presa di Castelnuovo , fu ritrovata la sepoltura dei tre soldati.  Sulla loro tomba  i tedeschi avevano posto una rudimentale   croce   di   legno   con   la   scritta   “tre   coraggiosi   brasiliani”   in riconoscimento del loro valore. Castelnuovo, Boscaccio, Precaria, Riola e Cereglio sono luoghi di alto valore simbolico.

Per ricordare sempre il valore e la generosità di uomini venuti a combattere in queste terre lontane, per la nostra libertà. Il valore, il coraggio, lo spirito di sacrificio in battaglia, l’umanità nei confronti della popolazione, il rispetto verso le donne, la solidarietà verso i bambini. A distanza di settantanni abbiamo il dovere di ricordare.

Continuare   a   ricordare,   non   dimenticare   è   un   impegno   che   rivolgiamo innanzitutto ai giovani, alle ragazze e ai ragazzi, cittadini del futuro, affinchè mantengano la memoria e la consapevolezza della storia di questi territori. Un impegno che vogliamo ancora una volta assumere insieme a Voi, per rendere onore a coloro che si sacrificarono, fino alle estreme conseguenze, per affermare ideali di libertà e di democrazia, di fraternità e di giustizia. Per difendere il bene inestimabile della pace. Grazie di nuovo a tutti Voi.

Castelnuovo 23 aprile 2015                                                 II Sindaco

Massimo Gnudi -4-

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi