Romano Franchi scrive a RFI sulla condizione delle stazioni della linea Porrettana

VN24_Vergato_Irene Priolo e Massimo Gnudi-FS-2015/10/30, Vergato – Con una lettera ufficiale inviata alla direzione di Rete Ferroviaria Italiana, gestore dell’infrastruttura ferroviaria, l’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese lamenta che nelle stazioni presenti sul proprio territorio “l’accesso ai treni e parcheggi da parte dei cittadini con handicap o comunque con ridotte capacità motorie” è di fatto impossibile.
Il problema è sorto a seguito della eliminazione degli attraversamenti a raso avvenuta negli ultimi anni, a causa della mancata realizzazione di ascensori, montascale o rampe, benché previsti nei progetti.
VN24_Vergato_Irene Priolo e Massimo Gnudi-FS-“L’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese ritiene che ciò limiti in modo inaccettabile i diritti dei cittadini e che sia in contrasto con la legislazione vigente” e richiede pertanto ad RFI “di definire e comunicare rapidamente un piano di interventi che consenta, in tempi certi e brevi, di porvi rimedio”.
Segue un elenco di sette stazioni lungo la linea Porrettana e lungo la Bologna-Prato.
La lettera ricorda anche nel caso della stazione di Vergato “il mancato adeguamento dell’altezza della banchina che impedisce l’accesso al livello dei treni”.
La lettera;

Prot. nr. 13605 del 21 ottobre 2015
Egr. Direzione Direttrice Asse Verticale di RFI
E p.c. Assessore ai trasporti Regione Emilia-Romagna Raffaele Donini

Oggetto: ripristino accessibilità disabili nelle stazioni delle linee Porrettana e Bologna-
Prato

Nel corso degli ultimi anni i lavori di adeguamento e potenziamento che hanno interessato le stazioni ferroviarie situate nei nostri Comuni lungo le linee Porrettana e Bologna-Prato hanno implicato – in ossequio alle normative vigenti – l’eliminazione degli attraversamenti a raso prima esistenti e la loro sostituzione con sottopassi pedonali per il raggiungimento del secondo binario e/o, in alcuni casi, dei parcheggi di pertinenza.

Purtroppo, l’accessibilità di detti sottopasso ad utenti con disabilità non è possibile in
nessuna delle stazioni situate sul nostro territorio. Gli ascensori, pure previsti in diversi
progetti, non sono stati realizzati, né sono disponibili mezzi alternativi di accesso quali
rampe o montascale.
Ciò pregiudica o addirittura impedisce l’accesso ai treni e parcheggi da parte dei cittadini
con handicap o comunque con ridotte capacità motorie.
L’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese ritiene che ciò limiti in modo inaccettabile
i diritti dei cittadini e che sia in contrasto con la legislazione vigente e richiede, pertanto, a
codesta direzione di definire e comunicare rapidamente un piano di interventi che
consenta, in tempi certi e brevi, di porvi rimedio.
Le stazioni nelle quali è necessario intervenire sono:

Marzabotto, Pioppe di Salvaro, Vergato, Riola sulla linea Porrettana;

Monzuno-Vado, Grizzana Morandi, San Benedetto VdS/Castiglione sulla linea Bologna-
Prato. Nella stazione di Vergato si segnala altresì il mancato adeguamento dell’altezza della
banchina che impedisce l’accesso al livello dei treni.

Cordiali saluti. IL PRESIDENTE Ing. Romano Franchi

Comments are closed.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi