Diga di Pavana. Danni a fauna e flora nel Reno e Limentra. L’assessore regionale Priolo: “La Regione intraprenderà azioni nei confronti dei responsabili”

2020/07/30, Vergato – Ecco puntuale la segnalazione di Dubbio in tema con le precedenti pubblicazioni relative al danno ambientale provocato dallo svuotamento della Diga di Pavana. Mancano le motivazioni di tale modo di operare da parte degli enti preposti che saremmo lieti di pubblicare per completezza dell’informazione.

Ambiente. Danni a fauna e flora a causa delle acque rese torbide nel fiume Reno e nel Torrente Limentra. L’assessore regionale Priolo: “La Regione intraprenderà azioni nei confronti dei responsabili sia per quanto riguarda l’azione penale che per quella risarcitoria per il danno ambientale”.

Già oggi in Viale Aldo Moro un primo summit per valutare la necessità di eventuali provvedimenti specifici per il ripristino dello stato dei luoghi e dell’ecosistema. La causa legata ad alcune operazioni di svaso del bacino diga di Pavana (Pt) imposto dal provvedimento urgente e contingibile dell’ufficio tecnico per le dighe di Firenze e realizzato operativamente da Enel Green Power.

Irene Priolo a Vergato – Immagini di repertorio

29/07/2020 18:24

Bologna – “Vista la gravità di quanto accaduto, la Regione, anche attraverso i propri Enti strumentali, darà corso alle azioni del caso nei confronti dei responsabili. Sia sul piano penale, sia per quanto riguarda la richiesta di risarcimento economico per danno ambientale”.

Così l’assessore regionale all’Ambiente, Irene Priolo, intervenendo sui danni ambientali al fiume Reno e al Torrente Limentra, le cui acque sono state rese torbide a seguito ad alcune operazioni di svaso del bacino diga di Pavana (Pt) imposto dal provvedimento urgente e contingibile dell’ufficio tecnico per le dighe di Firenze e realizzato operativamente da Enel Green Power. Operazione che ha avuto, tra l’altro, come conseguenza anche una diffusa moria di pesci.

“Già oggi nella sede della Regione – aggiunge l’assessore Priolo – si è svolto un primo incontro per valutare i fatti accaduti e la necessità di eventuali provvedimenti specifici per il ripristino dello stato dei luoghi e dell’ecosistema”.

 Casa è accaduto
Ieri, nell’ambito della fase conclusiva delle operazioni di svaso della Diga di Pavana effettuate da Enel Green Power, si è verificato un rilascio ingente di sedimenti sul Torrente Limentra di Sambuca, eccedente il quantitativo previsto nel Piano operativo presentato da Enel.
I sedimenti fuoriusciti dalla Diga hanno determinato una forte torbidità delle acque e una riduzione dell’ossigeno che ha comportato una moria di pesci, oltre alle evidenti problematiche generate all’intero ecosistema.
Un primo sopralluogo effettuato da Arpae lunedì 28 luglio, nelle fasi immediatamente successive al riversamento, ha permesso di verificare che la torbidità si è propagata fino al fiume Reno in località Riola Ponte in comune bolognese di Grizzana Morandi.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.<br>Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,<br>acconsenti all'uso dei cookie.<br> Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi