Una zirudella per salutare padre Antonio

10678743_727931740620134_6754887697328119694_n2014/11/25, Vergato – Le “zirudelle” della Leggiadrina, solitamente rivolte a memorie del passato, già pubblicate e seguite con molta attenzione da chi non dimentica questa arte del passato, trova in questo evento dei tempi nostri una nuova vita. Dialetto e memoria nelle nostre orecchie ci spingono a non leggere la traduzione in italiano ma a sforzarci di capire le parole o almeno il senso.

Il saluto a padre Antonio con la zirudella della Leggiadrina letta alla Carbona. ( Le foto sono pese da: https://www.facebook.com/pages/Carbona-lottava-meraviglia-del-mondo/169614856451828)

Salût dla Carbona a padre Antonio

Zirudela brìsa bôna
Per tòtti nù che a la Carbôna
a se riuenè comma na festa,
ma ed festegiê bè poch as resta.
Comme sempr e’ magnè l’è bô,
ma avê tòtti un grè magô,
perché as trata d’na partenza
ch’ed Padre Antonio as lasa senza!
An s’in savê fê na rasô,
S’an stê  atenti as vê i nuzlô,
E an srê brisa un bèl quell,
parrè d’eser a un funerèl,
e’ paragogô zerta l’è brôt,
ma an è gnench sbaglià dal tôtt,
perché l’esest è mod ed dî
che partî l’è un pô morî
L’ è gnò e’ Peder Provinzièl
De so orden conventuèl
A dîs ch’avê d’eser content
“E va a fê de bên a dl’etra zent!”
Nû egoesta a sêsenz’eter,
ma stè bê al vrénn  per nuetèr!!!
E avê pregà e’ so superior
ed  lasê quě e’ noster pastor,
ma da clorèccia ló an i sént
e al arporta in t e’ cinvènt

10670196_727931530620155_8811971711178269108_nArenn da fê comme che sènt
Che l’aveva pèrs un parent
E, ench cô tôtt e so’ dolor,
Acse e’ dgiva a noster Sgnor:
“An te dmand perché tôlt t um l ê,
Ma at vôj propri ringraziê
per tôtt e’ temp che t um l ê dat”
Dla stofa di sènt nû an sê fat,
Sol dô parol avê tiră fòra,
avê dètt “Lasesl incòra!”

Ma scrètta ormai l’è la senténza
e a s’abseina la  parténza
ed  P. Antonio, grê persona,
che prét an ĕ sôl dla Carbôna,
o dla parochia ed Calvenzê,
lò semper pront l’ĕ a dê ‘na mê
per la Messa in Cesa i a e sdél,
pr un batézz o un funée,
o pr andê a trover a că
i pover vcétt  o i amală,
e, quand i prét i vê in vachenza,
an ménca mai la so’ presenza,
acsĕ as pôl dĭ che l’ĕ e’ curét
ed tôtt quent e’ vicariét.
Tôtti al cgnossen e ai vô bê,
tôtti orfen as sentirê!

10639595_727931563953485_3706709742597086569_nPadre Antonio, at vrêringraziê
Per tôtt e’ bê ch’t  ê savò fê.
A t ĕ bastă un soquent mês
Per portê in t al noster Cês,
frequentă in prevalenza
da chi d’an a  i n’ha  abastenza,
‘na venteda ed promavera
Cô di spôs zoven davera
che di cinno ai n ê abastenza
per dê a tôtti  la sperenza
ch’an finessen I parochiê;
a i n’ĕ incô, m’a in sră anch dmê!

A te nû a dmandê perdô
Se quesi mai a sê stă bô,
ed seguî  I to’ insegnamént
e l’esempi che et dê a la zént.
Di difet ai n’avê tént,
an sê brisa dventă sént,
(chisă se incora a j ĕ speranza?!),
ma avê  apreză  la to’ costenza
in t e’ insgnes la giòsta veja.
Adés la parochia l’è fameja
Con un peder ch’ l’è ench fradel,
e chi l’ha bsogn, se at dîs quèl
e trova semper la to’ mê,
e se ló e’ va piê, cô ló et vê piê.
Te et cgnossi i noster erór,
ma e’ giudezzi te lasi a e’ Sgnor.
A d’inseggni a fê per bê,
ma po’ as tô acsĕ comm a sê.

10606127_727931977286777_4234906366816150468_nLa pazienza  l’an tè ménca,
ma t ê fat la bérba bienca
a soportêal lamentel
ed chi a se sfóga che sta mél,
o ed chi e’ scorr senza misura,
perché per lò l’ĕ la mej cura.

Te  t ê davera che pastor
Che dal so peggher l’ha l’odor.
Et dî ch’t êprét, ma contadéi,
t’ami la tera e al bestioléi,
la to’ canonica un po’ l’ĕ
comme l’era l’erca ed Noè,
ma per an confonder l’odor
cô quêl dal pieggher avò da e’ Sgnor,
t ê rimpĕ i tô stalett
solament cô dal cavrett!

Nû a vren propi continuê
A stê insemm comme te et sê fê,
ma e’ dovér ed l’obedienza
e mett tra nû tropa distenza:
an se resta che dî a l’Sgnor
ch’at compensa de to’ lavor
e at aiuta in tla nóva misió,
ch’la dôga frut e sodisfaziô,
ma s’an te trovi bê in convent,
artorna quă fra la to zent,
e per nû srê festa bela…
Tocch e dai la zirudela

Leggiadrina

le altre zirudelle della Legiadrina:

1- Le zirudelle della Leggiadrina – Un matrimoni di an quarénta

2 – Le zirudelle della Leggiadrina – Zirudela d’un capot ross

3 – Le zirudelle della Leggiadrina – Zirudela d’un an de scóla

Carbona, 16/10/2014

Saluto della Carbona a Padre Antonio

10408742_727931453953496_3858392667261666479_nZirudella che non è buona
Per tutti noi che alla Carbona
siamo riuniti come a una festa,
ma di festeggiare ben poco ci resta
perché si tratta di una partenza
che di Padre Antonio ci lascia senza.
Come sempre il cibo e buono,
ma abbiamo tutti un gran groppo alla gola.

E’ venuto il Padre a Provinciale
Del suo ordine conventuale
A dirci che dobbiamo essere contenti:
“Va a fare del bene a dell’altra gente!”
Noi egoisti siamo senz’altro,
ma questo bene lo vorremmo per noi!!!
E abbiamo pregato il suo superiore
Di lasciare qui il nostro pastore,
ma da quell’orecchio lui non ci sente
e lo riporta in convento.

10339958_727931837286791_5255211974071819197_nProprio non ce la facciamo a essere buoni;
se non stiamo attenti ci vengono i lacrimoni,
ma sembrerebbe di essere a un funerale
e davvero non sarebbe una bella cosa,
benché ci sia il modo di dire
“che partire è un poco morire”.
Dovremmo fare come quel santo
Che aveva perso un parente
e, anche con tutto il suo dolore,
così diceva a nostro Signore:
“Non ti domando perché me lo hai tolto,
ma ti voglio proprio ringraziare
per tutto il tempo che tu me lo hai dato.
Della stoffa dei santi noi non siamo fatti,
solo due parole abbiamo tirato fuori,
abbiamo detto: Lasciatecelo ancora!!”

Ma ormai è scritta la sentenza,
e si avvicina la partenza
di Padre Antonio, gran persona,
che parroco non è solo della Carbona,
o della parrocchia di Calvenzano,
lui è sempre pronto a dare una mano
per una Messa in Chiesa o nell’ospedale,
per un battesimo o un funerale,
o per andare a visitare a casa
un povero vecchietto o un ammalato,
e, quando i preti vanno in vacanza,
non manca mai la sua presenza,
così si può dire che lui è il curato
di tutto quanto il vicariato.
Tutti lo conoscono e gli vogliono bene,
Tutti orfani ci sentiremo!

1656227_727931793953462_5096518427541031437_nPadre Antonio ti vogliamo ringraziare
Per tutto il bene che hai saputi fare.
Ti sono bastati alcuni mesi
Per portare nelle nostre Chiese,
frequentate in prevalenza
da chi di anni ne ha abbastanza,
una ventata di primavera
con degli sposi davvero giovani
che hanno abbastanza bambini
per dare a tutti la speranza
che non finiranno i parrocchiani:
ce ne sono oggi, ma ce ne saranno anche domani!

A te noi chiediamo scusa
Se quasi mai siamo stati capaci
Di seguire i tuoi insegnamenti
E l’esempio che dai alla gente.
Di difetti ne abbiamo tanti,
non siamo diventati santi
(chissà se c’è ancora speranza?!)
Ma abbiamo apprezzato la tua costanza
Nell’indicarci la via giusta.
Adesso la parrocchia è famiglia
Con un padre che è anche fratello,
quando uno ha bisogno, se ti dice qualcosa
trova sempre la tua mano
e se lui va piano, tu vai  piano con lui.
Tu conosci i nostri errori,
ma ci lasci giudicare dal Signore.
Ci insegni a comportarci bene,ma poi ci prendi così come siamo.

La pazienza a te non manca,
ma hai fatto la barba bianca
a sopportare le lamentele
di chi si sfoga che sta male
o di chi parla senza misura,
perché per lui è la migliore cura.

Tu sei davvero il pastore,
che delle sue pecore ha l’odore.
Dici che sei prete, ma contadino,
ami la terra e gli animali,
la tua canonica è un po’
come era l’arca di Noè,
ma, per non confondere l’odore
con quello della pecore di nostro Signore,
hai riempito il tuo ovile
solamente con delle caprette!

10712962_727932077286767_2827398805786500514_nNoi vorremmo proprio continuare
A stare insieme come tu sai fare,
ma il dovere dell’obbedienza
mette fra noi troppa distanza.
Non ci resta che dire al Signore
Che ti ricompensi per il tuo lavoro
E che ti aiuti nella nuova missione,
che dia frutti e soddisfazioni,
ma se non ti trovi bene in convento,
ritorna qui fra la tua gente:
e per noi sarebbe festa bella…
Tocca e dai la zirudella

Leggiadrina

Carbona, 16/12/2014

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.<br>Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,<br>acconsenti all'uso dei cookie.<br> Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi