Luciano Marchi – Nwl n° 60 La stilografica

2016/04/27, Porretta Terme – Nwl n° 60 La stilografica

NEWSLETTER DEL 26-04-2016
Si parla spesso del tempo che passa, delle generazioni a confronto.Del resto, un negozio di fotografia diventa inevitabilmente il ricettacolo dei ricordi, delle passioni, dei momenti belli da trattenere.

Chi entra, spesso racconta storie che noi ascoltiamo volentieri: fa parte del nostro mestiere.

Ne abbiamo riportata una, a mo’ di racconto. Forse si tratta della meno spettacolare, ma l’abbiamo ritenuta significativa.

Speriamo che lo stesso sia per voi.

 

                                                                                                     Buona lettura

 LA STILOGRAFICA

 

Era comparsa all’improvviso, come dal nulla. Aprendo un cassetto del vecchio scrittoio, una scatola antica l’aveva riportata alla luce:

la stilografica della prima comunione.

Non vi erano segni d’usura, perché evidentemente una madre previdente l’aveva conservata per delle scritture importanti,certamente non quelle infantili.

Al tempo, questa era l’abitudine: demandare al domani ciò che oggi sarebbe stato superfluo; e questo valeva anche per i giocattoli “sofisticati”: “Li userai quando diventerai più grande”, diceva la solita madre previdente.

Seduto sul letto, il nostro scopritore pensava agli anni passati, e anche a come erano cambiate le cose, gli atteggiamenti, le abitudini.

La rinuncia veniva affrontata per “il domani”: non nel senso dell’investimento, ma per un istinto conservativo.

 

Un oggetto messo da parte sarebbe tornato utile: per un uso migliore o anche in mancanza di meglio. E poi, c’era il ricordo: quanto messo nel cassetto buono avrebbe risvegliato la memoria, con rispetto (del passato, questa volta).

Elucubrazioni, pensieri, ricordi, paralleli; tutto questo aleggiava nella mente del nostro, che a un certo punto si domandò: “Baratteresti questa stilografica con un iPhone?”.

Sì, perché oggi il regalo “tipo” è proprio quello: lo smart dei sogni, il segno distintivo, l’elemento di connessione per il branco. La domanda non ebbe una risposta, sollevando in realtà una miriade di dubbi.

Di certo, nessuna madre previdente avrebbe nascosto l’apparecchio telefonico per un domani migliore: non ne sarebbe valsa la pena. Quell’iPhone non avrebbe retto il confronto con la stilografica, neppure volendo.

Ne sarebbe scaturita una battaglia improponibile: tra oggi e domani; tra una visione a breve e un’altra che avrebbe guardato al futuro, responsabilmente.

Di certo i nostri nonni (e forse anche i genitori) fabbricavano ricordi: non per nostalgia, ma a mo’ d’insegnamento; oggi tentiamo di costruire emozioni, per dare un senso al tempo che viaggia, all’oggi da affrontare.

La stilografica era ancora lì, nella mano sinistra di chi l’aveva ritrovata.

 

 

Nella sua tasca, una chiavetta USB tentava di mostrare se stessa, sollevando la stoffa dei pantaloni. Dentro sarebbero dovute esserci le ultime fotografie: i sorrisi e le emozioni da far rivivere subito, immediatamente. “Voglio provarci”, disse a se stesso.

Ripose la stilografica nella scatola, per un futuro migliore; e pensò a quell’immagine ventura da dedicare al domani, a chi avrebbe potuto vedere.

Una fotografia sarebbe bastata: nello stesso cassetto.

                                        Luciano Marchi

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi