(E)migrante – Leggiadrina

.

Foto di repertorio non riferita a Leggiadrina

2016/05/04, Vergato – Non solo zirudelle in dialetto, ma poesie e racconti, l’attività di Leggiadrina non si è mai fermata, Il tema di questa poesia è quotidiano. Immigrazione o migrazione, continua e giornaliera riempie le cronache su giornali e tv, ma… bisognava pensarci prima, dicono adesso, Leggiadrina , in effetti, un pensiero sopra lo aveva fatto… era il 1998.

(E)migrante

Che vuoi tu?—Cerco lavoro, signore,
la vita, là nella mia terra, è dura.
Come osi se la tua pelle è scura?
Ma la fame, lo sai , non ha colore

Quando preghi è un altro il tuo Signore.
Dio vede e ascolta ogni creatura.
Lo s’invoca con varia dicitura,
ma risponde a un sol nome; Amore.

Differente è l’odor della tua pelle
E neppure sai parlare come me.
Diverse razze van sotto le stelle,

vario è il linguaggio pur senza un perché.
Ma tu, chi sei tu sotto quella pelle?
Sono un uomo, un uomo come te.

Leggiadrina (1998)

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi