Bar Pedrelli – Seconda parte

2017/11/13, Vergato – Il bar Pedrelli – seconda parte.

Il bar Pedrelli negli anni 50-60, era punto di ritrovo per i vergatesi, un locale frequentatissimo.

Lì si parlava di calcio, si organizzavano carnevali, si preparavano feste e veglioni, si facevano scherzi e burle di ogni genere.

La guerra era terminata da poco e la parola d’ordine era divertirsi, per cui ogni piccola cosa diventava l’occasione per fare festa: bastava un vaso da notte pieno di cioccolata fusa, un trombone strimpellato da Franco Gardenghi, (che tra l’altro non lo sapeva suonare), un tamburo suonato da Dindo, un naso finto con occhiali e baffi portato da Egisto Marchi ed era subito era festa.

Umberto Bernardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Al fine di evitare spam tra i commenti vi invitiamo ad inserire la stringa che vedete qui rappresentata nello spazio successivo.

Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input
 = 
Grazie della collaborazione.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi