La zirudella del Principe di Montepetto del  1955

2017/12/06, Vergato – La zirudella del Principe di Montepetto del  1955.

Scrive Giovanni Santunione in “Maschere e burattini”

“Una particolare forma di espressione che si diffuse nel modenese e nel bolognese consentiva alle maschere di presentarsi ai loro cittadini, a carnevale, per esprimere pareri e critiche sulla vicende dell’anno precedente, con discorsi mordaci rivolti alle autorità ed osservazioni maliziose sui comportamenti della gente, essa ha dato origine a diverse maschere; Bertoldo a San Giovanni in Persiceto, Re Fagiolo a San Matteo della Decimo, Barbazècch A Bazzano, Pier Mati A Savigno, Tasi a Cento, Tugnon a San Felice sul Panaro, Batistin Paneda a Pavullo nel Frignano, La famiglia Frascona a Fanano, Re Pietro a Formigine, il lacchè a Benedello”

Anche Vergato ha la sua maschera “il Principe di Montepetto” parodia dai Capitani della Montagna, ha il suo, immaginoso, regno a Montpetto, sulla strada di Castelnuovo.

Nel periodo di carnevale un tempo scendeva in paese a dorso d’asino, e prendeva simbolicamente possesso di Vergato mediante la consegna delle chiavi da parte del sindaco.

Il “Principe” regnava durante tutti i festeggiamenti e toccava anche il “Contado” ovvero le borgate e le frazioni.  Il suo “Principato” si concludeva in genere l’ultimo sabato di carnevale quando, dopo aver pronunciato un discorso meglio conosciuto come la “Zirudella” di rito, dopodichè si accomiatava lanciando sulla folla monete di cioccolata. 

La ziruella del 1955 ci racconta:  “Quest le stà un carnevel verament eccezionel, per l’impunenza degna dabòd’eser ripresa per televisiò”. Di questo carnevale abbiamo il filmato girato su pellicola da 15 mm. Forse in quell’occasione è venuta veramente televisione, la neonata Rai che allora aveva solo un anno di vita.

La zirudella cii racconta anche delle società e dei carri che hanno sfilato in questo carnevale come: la soc. A.B.C.  (scuola di Vergato) con”Armonie del bosco, il Trastullo con “Pollaio in festa”, i Diperati con “Arriva Bacco”, il Setaccio con” La macchina dei belli”, i Malnutriti con “El Trocadero” (la bella Teresina), l’Allegria (oratorio parocchiale) con “Re Topolino” e il carro della scuola di Cereglio con”Il mondo alla rovescia”, finendo con un ringraziamento al professor Scapaccio  “Perchè stan al carnevel aglia dat propi dla pel”.

Proclama del Principe di Montepetto

22- febbraio 1955 
Vergades me cher amigh
comm av dge sabet passà
dop dès de ed dùri fadìgh
a sò què a sre al canevel dVargà.

Prema ed turnè al mi castel
am voi dabò cumplimenter
co i autor ed i regesta
ed sta cosa verament mai vesta.

Quest le stà un carnevel
verament eccezionel
per l’impunenza degna dabò
d’eser ripresa per televisiò.

E ades av voi di dal società
ca glie fat miracuel in verità
dimustrand che la passiò
la conta piò che i miliò.

Al Trastullo co al su puler
l’è una cosa eccezionel
eccezionel com aiò dètt prema
perche ie fat bale al voip cò la galèna.

Al car presenta da qui dla scola
a quardei la per na fola
ma in materia d’istruziò
a tott ie insgna dlezer dabò
ed infati in tal piò bel
as ved un fonz lezer al giurnel.

I Melnutrè cò al Baraccò
Ie uffert di nommer d’ecceziò
motoziclesta, balareini e omen zighent
gre rised iè fat fè a totta la zent
ma la bela Teresina e l’iptnutuzador
ie qui cie fat piò gre furor.

Qui dla Legria in sal cherdeven mai
che i top i dvintesen podrò dal furmai
e tent pulid lò ie fatt
che in tla trappla aie andà al gatt.

I disperà con la su gre bott ed vein
ie imberiagà quesi tott i zitadein
dimustrand in sta manera
che divertis i se davera.

Qui dal Sdazz ie dsquert un gre quel
e ie tirà fora na machina infernel
acse i piò bròtt chis faghen pu curagg
co la speranza can srompa lingranagg
av assicur e av val degh a tòtt
che fra du ann an ni sra piò di brott.

Una surpresa can iera ed mei
as la fata la scola ed Srei
d’avgni al carenvel co al su bel car
mittand in prema fila al su sumar
dand acse dimustraziò
d’esser in testa a totti al frazziò.

Tott asrin sta piò cuntent
sal fus sta semper bel temp
ma quand me a so in palazz
o cal neva o al piov a squass.

Ench al mi viazz in ti possidiment
an fo brisa un diveriment
(e dal gre fredd caveven adoss)
e aven semper un gre tredd adoss
che asvein a tulè a finen in tun foss.

Ma grè entuisiasum e animaziò
a truven in totti al popolaziò
e tott cuntent i fon dal su re
sia Riola, Puretta, Gagg, Castel e tulè.

Un rinraziment particoler
al sgnor sendich me a voi fer
che insemm a totti gli autorità
co entusiesum al se pristà.

Un elogg co tott al cor
a Scarpaccio al professor
perche stan al carnevel
aglia dat propi dla pel.

Ma in totta sinzerità
degna propi dna maestà
av diro che in tema d’urganizaziò
amper cai sia stà dla confusiò
ma a sò sicur che ste tran a Vargà
al sra tott mei urganizzà.

l’unich spiaser e l’unich dulor
is le dat i dirett d’autor
e che propi in stuccassiò
la sa pla come i capò.

(E quel che pio la meravià
che chi cmanda sia u ed Vargà)
ma spere che co al temp
as risolva ench stinconvenient.

E che al noster carnvel
as posa fe semper piò bel
dand cal nom e prestig a Vargà
che ormai davera al se merità.

Me a mezanott as rò partè
per turnè al mi castel
e appuntament me av dagh què
per stetran al carenvel.

E ades av salut tott
perché a tach a eser stoff.

E av augur a tott quent
pes, salut e divertiment.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi