Gli sposi in seconde nozze – “la maitinè” dal diario di Ida Samuel

Foto di repertorio dal web non attinente alle maitinate

2018/01/12, Vergato – Gli sposi, seconde nozze. La “maitinata”, una ricerca di Umberto Bernardi che ha trovato “soccorso” da Carmen Vannini che gentilmente ci invia questa segnalazione pubblicata su;

Maria Carmen Vannini Marcello Maselli, PIOPPE DI SALVARO, Storia e memoria
Pro Loco di Pioppe di Salvaro Gruppo di studi alta valle del Reno – Porretta Terme –

Pioppe di Salvaro 2005.

 

Dal diario di Ida Samuel:
– Quando due paesani alle nozze, erano tutte e due, o anche uno solo al secondo matrimonio, accadevano cose curiose.
Parecchi giorni prima delle nozze, una settimana, si iniziavano i fatidici concerti serali a base di pentole vecchie, tegami rotti, chiamati “la maitinè”.

Quasi tutte le sere il clamoroso gruppo di dimostranti si recava a casa del futuro o della futura sposa e cominciava la “sinfonia” tra il comprensibile entusiasmo degli interessati, forse a volte tentati di accogliere a schioppettategli “orchestrali”.

Come Dio voleva, si giungeva alle nozze.

Al mattino, per tempo, a piedi, gli sposi andavano in chiesa dove li attendeva una modesta cerimonia. Al termine del rito, il corteo degli sposi riprendeva la via del ritorno, mentre gli “ sgabellanti ” davano ai convenuti i tipici zuccherotti montanari e dalla ricchezza della distribuzione si giudicava la ricchezza della coppia.

Gli invitati andavano poi al pranzo dalla famiglia della sposa e la sera da quella di lui sempre di domenica, s’intende, che nei giorni feriali, c’era il lavoro che non si poteva lasciare e a nessuno veniva in mente di lasciarlo.

Foto dal web non attinente alle maitinate

Ricordo che una domenica – quella del matrimonio – fra un pranzo e l’altro – Cesarino Peri – lo sposo – operaio di fabbrica, addetto alla illuminazione ad acetilene, venne in casa nostra con la sposa, come d’uso, a portare la “fazzolettata” di zuccherini alla mia famiglia.

La “banda” li aveva seguiti e fuori, sotto le finestre cominciarono una nutrita “sinfonia”. Cesarino Peri, ormai sfinito di tanto clamore, pregò mio padre di lasciarlo tornare a casa sua, alla “Casona”, dall’interno della fabbrica e così fece, lieto di giocare un tiro birbone ai suoi suonatori.

Dopo prolungata attesa, intuito lo scherzo, tutti arrabbiati, i “pifferai” che erano rimasti “suonati”, si riversarono alla “saliciata” della Casona, ma non poterono iniziare la banda e neppure provare un fischio perché lo sposo li prevenne, li chiamò in casa e lì, fra uno scoppio e l’altro di tappi che volavano in aria, tutto finì nella generale allegria, mentre si perdevano nell’aria le ultime battute della “zirudela” di circostanza:

“Zirudela dal bon ven, o bi spus a-v’salutèn: saluten’sta spousa bela, toch e dai la zirudela”… “

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi