I pilastrini e le edicole votive, la devozione popolare dell’Appennino bolognese in una mostra a Monzuno

2018/08/25, Monzuno – I pilastrini e le edicole votive, la devozione popolare dell’Appennino bolognese in una mostra a Monzuno. 

In occasione della festa di San Luigi che si sta svolgendo a Monzuno e proseguirà fino a lunedì 27 agosto due interessanti mostre fotografiche permetteranno di conoscere meglio il territorio della nostra regione. 

Sono centinaia i pilastrini, o maestà, cioè quelle colonnine in mattoni contenenti immagini sacre, distribuite nelle campagne dell’Appennino bolognese.

Una mostra a cura di Emilio Veggetti, fotografo e grande appassionato dell’Appennino, cerca di catalogarle tutte. La mostra, patrocinata dal Comune di Monzuno, è ospitata nella Sala Ivo Teglia di Emil Banca a Monzuno: qui oltre 200 immagini raccontano questa forma di religiosità popolare molto presente in prossimità di crocicchi o bivi, dai più antichi a quelli di recente costruzione. Le origini di queste strutture affondano le radici nell’età pre-cristiana, quando servivano a indicare la direzione ai viandanti ma anche ad invocare le benevoli anime dei defunti. Quelli attualmente presenti in Appennino possono risalire fino al  XVI secolo, e spesso venivano costruiti per grazie ricevute o in seguito a incidenti risoltisi bene. Ormai questa forma di devozione popolare fa parte del suggestivo patrimonio della montagna.

Purtroppo alcuni di questi tempietti negli anni sono stati oggetto di saccheggi e vandalici. Gli organizzatori della mostra sono tuttavia convinti che riscoprire questi piccoli tesori è un modo per riappropriarsene e quindi difenderle. Oltre alle foto la mostra presenta anche una collezione di centoventi di statuine sacre raccolte negli anni dalla collezione di Veggetti. La mostra è visitabile il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e la sera dalle 20 alle 22 fino al 27 agosto, poi il 1 e 2 settembre di nuovo dalle 10 alle 12.

Un’altra mostra poi può completare la visita, quella del fotografo Angelo Benassi, intitolata “Scatti nel tempo” e ospitata nelle sale della biblioteca comunale. Fotografie in questo caso che raccontano non solo l’Appennino bolognese, ma anche scorci malinconici e poetici dell’Emilia-Romagna dalle nebbie della pianura padane ai foschi margini del Po, fino ai borghi abbandonati a Monte Sole dopo l’eccidio. La mostra è visitabile il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19 (fino alle 22 questo weekend) e negli orari di apertura della biblioteca.

Fonte e foto; Ufficio Stampa Unione dei comuni dell’Appennino bolognese

WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi