Ferdinando Petri – Atto vandalico

2019/05/09, Vergato – Riceviamo da Ferdinando Petri e pubblichiamo;

Non ho una pagina Facebook e posso esprimermi solo con una mail. A chi lamentava il silenzio assordante di certuni, rispondi con un urlo assordante: Vergato nel cuore difende tutto ciò che appartiene a Vergato. Sia un muro, una fontana, un angolo di paese o un albero, o il reparto ortopedia del nostro ospedale. Quello che abbiamo appartiene alla nostra comunità. Piaccia o meno al singolo cittadino, tutto quello che
è stato realizzato con denaro pubblico appartiene a ciascuno di noi. Posso dissentire sui contenuti artistici di un’opera, posso criticare le scelte di strategia finanziaria con cui è stata realizzata , ma quello che è nostro non si tocca, nessuno ha il diritto di farlo. Quello che è accaduto va ben oltre la dialettica politica. Il civile confronto è il sale della democrazia, ma non si può prescindere dal rispetto. Rispetto per le cose di tutti e rispetto per il sentire comune. Adesso qualcuno dovrà sporcarsi le mani per rimediare allo scempio, e che si tratti di un’impresa privata o di qualche operaio comunale sarà comunque un’operazione sgradevole e avvilente, per di più a spese degli stessi cittadini a cui l’opera e il Comune appartengono. Guai a quei vili! Spero vivamente che l’impianto di video sorveglianza li abbia inquadrati con chiarezza sufficiente a identificarli, e che vengano condannati ad un risarcimento non solo economico ma anche e soprattutto morale, a vantaggio della collettività. Chi pecca contro la comunità è un vile e non può cavarsela con una multa o un richiamo ufficiale. Ma non dimentichiamo, in questo momento di rabbia collettiva, chi in questi giorni ha soffiato sul fuoco del l’intolleranza e dell’oscurantismo, chi ha promosso raccolte di firme e pubblici esorcismi: anche quelli hanno una parte di responsabilità, hanno motivato e anzi quasi invocato un gesto di punizione verso l’opera ritenuta “satanica”, e adesso che qualche ignoto vigliacco ha compiuto questo gesto, i promotori di questo clima di odio dovrebbero andare di loro iniziativa, prima di esserci obbligati con sentenza, a ripulire la fontana e i gradini del Palazzo Comunale. Non voglio aggiungere ovvietà a questa mia espressione. Ma vorrei confermare, se mai ce ne fosse bisogno, che tutti noi abbiamo deprecato questo gesto di inciviltà. Tutti noi riteniamo che, a prescindere dai pareri personali sui contenuti artistici della fontana di Ontani, si sia arrecata un’offesa gravissima, sanguinosa, alla intera comunità vergatese, al popolo, ai cittadini tutti. E nessuno venga a parlare di scherzo o bravata. È stato un gesto vile, fomentato da un excalation di intolleranza che negli ultimi giorni è arrivata al parossismo. Voglio vedere con che coraggio si presenteranno a Vergato gli esorcizzatori… guai a voi, non abusate ancora della nostra civile pazienza!

Ferdinando Petri

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi