Seconda edizione del Salone nazionale marroni e castagne d’Italia – Bologna, dall’8 al 10 novembre 2019

2019/11/05, Bologna – Al Salone nazionale marroni e castagne d’Italia un primo bilancio della raccolta 2019.
Ivo Poli (Ass. naz. Città del castagno): «Settimane iniziali decisamente positive, confidiamo nel clima»


Appuntamento a Fico Eataly World (Bologna) da venerdì 8 a domenica 10 novembre.
Si apre sotto i migliori auspici la seconda edizione del Salone nazionale marroni e castagne d’Italia, in programma a Fico Eataly World da venerdì 8 a domenica 10 novembre.
«Le prime settimane di raccolta sono state decisamente positive – spiega Ivo Poli, presidente dell’Associazione nazionale Città del castagno, che organizza la manifestazione assieme al Centro di studio e documentazione sul castagno di Marradi e a Fico Eataly World –. In Calabria si è raccolto il 20-30% di castagne e di marroni in più rispetto allo scorso anno. In Trentino, in Toscana e in Lazio la qualità è elevata». Nella Vallata del Santerno e nell’alto Mugello la riduzione della produzione è più accentuata, anche se la qualità si mantiene eccellente.
Da qui al termine della raccolta, «tutto è in mano al clima – aggiunge Poli –. In qualche regione sta piovendo, e una piovosità elevata e prolungata potrebbe favorire la proliferazione di un fungo che rischia di compromettere l’intera raccolta di un produttore nel giro di due giorni. Per questo confidiamo in un tempo atmosferico favorevole».
I cambiamenti climatici saranno solamente uno fra i molti argomenti al centro della seconda edizione del Salone nazionale marroni e castagne d’Italia, e in particolare del convegno di apertura (venerdì 8, ore 11), dal titolo Selve castanili e cambiamenti climatici-Quali interventi attuare, di cui saranno relatori principali, a fianco di Poli, Alberto Manzo, funzionario coordinatore del tavolo di filiera della frutta in guscio presso il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Alberto Maltoni, ricercatore del Dipartimento di scienze e tecnologie agrarie, alimentari, ambientali e
forestali dell’Università di Firenze, e Giorgio Maresi, ricercatore della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige.
«Saranno tre giornate dedicata alla castanicoltura a 360 gradi – continua il
presidente dell’Associazione nazionale Città del Castagno –. Si parlerà di produzione, commercializzazione, utilizzo in cucina, attualità, didattica, ambiente e turismo/promozione del territorio».
Il programma comprende, a fianco della tradizionale esposizione-mercato dei produttori, provenienti da cinque regioni italiane:
– il convegno (sabato 9, ore 10.30) Selve castanili e paesaggi-Nuove destinazioni e offerte turistiche a cui parteciperà l’assessore al Turismo della Regione Emilia- Romagna Andrea Corsini
– la mostra, unica del suo genere, delle diciassette Dop e Igp di castagne e di marroni nazionali e delle relative filiere corte
– il concorso nazionale degli istituti alberghieri Chef del futuro
– la prima mostra con degustazioni Le birre dei castagni


PERCHÉ UN SALONE NAZIONALE MARRONI E CASTAGNE D’ITALIA?
Il Salone nazionale marroni e castagne d’Italia offre alle aziende e alle associazioni/enti del comparto la possibilità di valorizzare il proprio prodotto, che in Italia si caratterizza per il grandissimo pregio dal punto di vista della biodiversità e della qualità nutrizionale.
«La castanicoltura è una risorsa nazionale importantissima e ogni regione esprime proprie peculiarità – spiega Massimo Seragnoli, promotore e coordinatore della manifestazione –, non solo dal punto di vista del prodotto, patrimonio italiano di biodiversità, la cui qualità deve essere preservata, ma anche in riferimento a tematiche ambientali, economiche, gastronomiche e turistiche. La polifunzionalità dei castagneti rappresenta una risorsa fondamentale per la sostenibilità di molte comunità dell’appennino, una potenzialità da sviluppare attraverso la promozione della qualità delle produzioni nazionali e della trasformazione, la valorizzazione turistica e l’affermazione delle caratteristiche nutrizionali».


A questo proposito, «il marrone è ricco di sostanze nutritive che fanno bene al nostro organismo – prosegue Seragnoli –. Grazie agli zuccheri complessi e ai sali minerali che contiene, il marrone è ideale per gli sportivi: fornisce una carica di energia e di sali minerali (fosforo, magnesio e soprattutto potassio) che hanno la capacità di aumentare la resistenza alla fatica in modo naturale. Per tutte queste ragioni, è un frutto che si presta ad essere consumato come fuoripasto, sul lavoro e per lo studio».
Inoltre, al Salone sarà possibile condividere esperienze, con l’obiettivo di creare una rete sempre più stretta per guardare al futuro assieme e più forti, capaci sia di cogliere le opportunità offerte dall’innovazione tecnologica sia di esprimersi con una voce e una posizione comune a tutti i livelli istituzioni, nazionali ed europei.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi