Una cassetta postale viola a Marzabotto per le donne vittime di violenza  

2020/07/06, Marzabotto – Una cassetta postale viola a Marzabotto per le donne vittime di violenza. 

Chi non può telefonare o recarsi allo sportello antiviolenza di persona può lasciare qui un messaggio e un recapito a cui essere ricontattato: la violenza infatti purtroppo non va in vacanza, come ricorda l’amministrazione comunale

6 luglio –  Da qualche giorno all’interno del municipio di Marzabotto è apparsa una cassetta delle lettere viola. La cassetta vuole essere uno strumento discreto per quelle donne che hanno bisogno di aiuto ma non hanno il coraggio o la possibilità di presentarsi di persona né di telefonare. Qui possono scrivere quello che credono e lasciare un contatto, l’associazione provvederà a cercarle.

A occuparsene infatti sarà il Centro Antiviolenza “Chiama ChiAma” dell’Associazione MondoDonna Onlus che da qualche settimana gestisce lo sportello contro la violenza sulle donne, in accordo con l’amministrazione comunale e con l’appoggio dei cittadini che hanno sostenuto economicamente questa iniziativa con diverse raccolte fondi.

«Purtroppo lo sportello antiviolenza, che rappresentava uno dei punti del nostro programma elettorale, inizialmente è partito solo telefonicamente» spiega l’assessora Simona Benassi «ma ci sono momenti in cui la relazione personale è indispensabile. Per questo, nel rispetto del distanziamento e delle normative contro il Covid-19, lo sportello aprirà al pubblico ogni secondo giovedì del mese dalle 9,45 alle 13,45. È il giorno del mercato, per questo motivo contiamo di coinvolgere più persone».

L’assessora e alcune componenti di MondoDonna saranno inoltre presenti in piazza a Marzabotto giovedì 16 luglio dalle 10 alle 12 per presentare i servizi dello sportello che accoglienza, ascolto e orientamento oltre che supporto psicologico.

Anche perché, a Marzabotto come nel resto dell’Appennino (lo sportello è presente anche a San Benedetto e Vergato) «la violenza non va in vacanza, e anzi il lock-down dei mesi scorsi ha semmai esasperato certe dinamiche distorte all’interno dei nuclei familiari» spiega ancora Benassi.  L’isolamento domiciliare, la prolungata condivisione degli spazi e la convivenza forzata con il partner o coniuge maltrattante comportano purtroppo una maggiore esposizione alla violenza domestica e il suo possibile aggravamento, determinando un pericolo imminente per l’incolumità fisica e psicologica delle donne e dei loro figli.

Per questo motivo in questi mesi MondoDonna ha lanciato la campagna “NO-SWEET HOME: un luogo sicuro per donne vittime di violenza” con il contributo di Fondazione Carisbo. Il progetto ha previsto la rimodulazione, per il periodo maggio-giugno 2020, delle attività e dei servizi del Centro Antiviolenza per  garantire il supporto di ascolto e di assistenza psicologica nonostante emergenza sanitaria in corso garantendo una maggiore reperibilità telefonica.

Il telefono continua infatti a essere uno strumento fondamentale: per richiedere assistenza è sufficiente chiamare il numero 3371201876 o scrivere a chiamachiama@mondodonna-onlus.it

Fonte e foto: Ufficio Stampa Unione dei comuni dell’Appennino bolognese

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi