Carabinieri Marzabotto – 43enne colpito da misura cautelare per maltrattamenti in famiglia


2024/02/28, Marzabotto – 43ENNE PAKISTANO COLPITO DA MISURA CAUTELARE PER MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA E LESIONE PERSONALE.

I Carabinieri della Stazione di Marzabotto ( Compagnia Carabinieri Vergato, Comandante Capitano Loredana D’Ambrosi), hanno eseguito un’ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti di un 43enne pakistano, indagato per maltrattamenti contro familiari o conviventi e lesione personale aggravata.

Il provvedimento, richiesto dalla Procura della Repubblica di Bologna ed emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bologna, trae origine dalla denuncia che la moglie dell’indagato, una pakistana sulla trentina, ha presentato ai Carabinieri il 30 gennaio scorso, raccontando ai militari una serie di episodi accaduti negli anni, dopo che si erano trasferiti dal paese d’origine in Italia. In particolare, la donna ha riferito ai militari che non avendo un’occupazione lavorativa, era costretta a dipendere economicamente dal marito e quando gli chiedeva dei soldi o gli avanzava altre richieste necessarie al mantenimento della famiglia, lui reagiva mettendo a soqquadro l’appartamento e l’aggrediva verbalmente e fisicamente, con schiaffi, morsi e tirate di capelli, anche di fronte alla figlia che avevano avuto nove anni fa.

Temendo delle rappresaglie da parte del marito, la donna soffriva in silenzio, evitando di andare al Pronto Soccorso per farsi medicare le ferite che lui le aveva provocato: un livido sul volto, un morso e l’asportazione di una ciocca di capelli dal cuoio capelluto. Dopo anni di sofferenze e stanca delle aggressioni subite, la donna si è rivolta ai Carabinieri per chiedere aiuto. In seguito, però, la donna è tornata in caserma e ha ritrattato la versione dei fatti, ma le indagini sono proseguite lo stesso e l’Autorità giudiziaria ha richiesto la misura cautelare che è stata accolta dal Giudice.

Rintracciato dai militari, il 43enne pakistano è stato sottoposto all’allontanamento dalla casa familiare e al divieto di avvicinamento e comunicazione con le persone offese, con l’applicazione del braccialetto elettronico.
Fonte e foto; Comando Provinciale Carabinieri Bologna – Aliquota Comunicazione e Stampa

Leave a Reply

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.<br>Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,<br>acconsenti all'uso dei cookie.<br> Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi