Creda: Strage nazifascista del 29 Settembre 1944, la famiglia di Machelli Giuseppe

2012/10/23, Vergato – A Creda, in una grande casa colonica, abitano due famiglie di contadini: quella di Augusto Cardi e quella di Giuseppe Righi. In più ci sono cinque o sei famiglie e molte altre persone alloggiate nella casa e nel ricovero degli attrezzi agricoli, nei locali che servono da scuola e in una vecchia fornace di mattoni. I nuovi inquilini, provenienti da Pioppe, Sibano e Salvaro, si sono rifugiati a Creda nella speranza di trovare riparo dai bombardamenti che colpiscono insistentemente la valle del Reno, in particolare la canapiera di Pioppe, e di essere più al sicuro all’interno della zona partigiana.
Il 29 settembre 1944 gli abitanti di Creda vengono svegliati dall’arrivo dei soldati tedeschi e poi ammassati dentro il portico utilizzato come rimessa per i carri agricoli. In tutto sono un’ottantina di persone, tra cui numerose donne e bambini. I soldati collocano davanti ai prigionieri un barroccio con sopra una mitraglia, che cominciano lentamente a preparare. Improvvisamente un segnale rosso attraversa il cielo e i soldati iniziano a sparare e a lanciare bombe a mano. Poi incendiano il fienile sopra la rimessa e danno fuoco a un mucchio di foglie di frumentone. Attraverso una porticina in fondo al portico alcuni scappano nella stalla. I tedeschi mitragliano e lanciano bombe e anche la stalla prende fuoco. Gli animali feriti si dimenano, i muggiti si confondono con le urla strazianti dei feriti.
Coloro che ancora si muovono sotto i carri agricoli vengono freddati. Chi tenta di fuggire nel bosco viene raggiunto dalle pallottole: così muore Emilio Gandolfi. Attilio Comastri, ferito, si salva perché il corpo esanime della moglie Ines Gandolfi gli fa da scudo. Scampato alla carneficina vaga per diversi giorni nel bosco, poi riesce a passare il fronte. Perde, oltre la moglie, la figlioletta Bianca, di due anni, e la sorella Marcellina. Anche Carlo Cardi riesce a salvarsi, ma ha la famiglia sterminata; tra i morti anche Valter Cardi, di soli 14 giorni, il più piccolo tra i bambini uccisi negli eccidi di Monte Sole. La stessa sorte subiscono le famiglie Gandolfi, Lolli, Macchelli e Medici.
È testimoniata la presenza, insieme ai tedeschi, di italiani, in particolare di una spia che si era in precedenza infiltrata tra i partigiani. (da: Museo Virtuale della Certosa, http://certosa.cineca.it/chiostro/eventi.php?ID=369&al=1)

È stato detto :
– Occhio per occhio, dente per dente. Ma io vi dico:
– Amate anche i vostri nemici se volete essere figli del Padre che sta nei Cieli…
(Evangelo di S. Matteo V. 43)

Qui, le immagini tratte dal Ricordino che ci è pervenuto e che volentieri pubblichiamo, perchè le immagini a volte contano di più delle parole.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi