Luciano Marchi – NWL n° 20 del 19/11/2013 ” Bellezza vera”

 

NEWSLETTER DEL 19/11/2013
BELLEZZA  VERA !

” Mistinguette ”  di Felix NadarRitratto di Irving Penn  per Vogue” Daiana ” di Luciano Marchi

” Anastasia ” di Luciano Marchi

 

Parleremo di bellezza, questa volta; per giunta al femminile. Il “pianeta donna” può essere considerato in fotografia una sorta di genere, sicuramente uno stile; lo stesso che va affrontato con l’anima del ritratto, ricercando estetica e personalità.Affrontare la fotografia al femminile non è semplice. Qualsiasi cosa si affermi può nascondere una buccia di banana sulla quale scivolare. Noi non correremo questo rischio, perché affronteremo l’argomento col cipiglio di chi vuole protestare. Da troppo tempo i fotografi si sono visti passare davanti una sorta di carnevale, dove chi posava non rappresentava se stessa, ma un’istallazione: lo stereotipo da replicare. I sociologi chiamano il fenomeno “velinizzazione”, ma a noi il termine non serve e, nella bellicosità, non rifiutiamo nulla: c’è anche quello stile; per determinate personalità può servire e il buon fotografo è in grado di intervenire.La somiglianza intimaMa la fotografia della donna (ecco, sì: chiamiamola così che ci piace) parte da lontano. Non volendo scomodare la pittura e la scultura (quanti esempi lì!) tante “lei” sono passate davanti alle ottiche sin da subito: almeno di fronte a quelli che hanno capito come un volto femminile (ma anche altri tratti, per carità) rappresentavano altrettanti soggetti da interpretare e non da fare assomigliare. Felix Nadar, grande ritrattista della storia (uno dei quattro più illustri) era uno di questi. Leggiamo cosa disse nel 1857 presso la corte di Francia: “A ogni passo potete veder fotografare un pittore che non ha mai dipinto, un tenore senza scritture; e, lo dico sul serio, del vostro cocchiere come del vostro portinaio m’impegno a fare in una sola lezione altri due operatori fotografici”. … “La teoria fotografica s’impara in un’ora; le prime nozioni pratiche in un giorno … quello che non si impara … è il senso della luce … è la valutazione artistica degli effetti prodotti dalle luci diverse e combinate … quello che s’impara ancora meno, è l’intelligenza morale del tuo soggetto, è quell’intuizione che ti mette in comunicazione col modello, te lo fa giudicare, ti guida verso le sue abitudini, le sue idee, il suo carattere, e ti permette di ottenere, non già banalmente e a caso, una riproduzione plastica qualsiasi, alla portata dell’ultimo inserviente di laboratorio, bensì la somiglianza più familiare e più favorevole, la somiglianza intima”.Personalità cercasi

Nadar ci manda un insegnamento, ma la sua lezione vale ancora oggi. Il segreto è sempre quello: interpretare e raccontare, come in tutte le fotografie. Anche Irving Penn (altro grande) seguiva lo stesso insegnamento. Alle volte si rifugiava nel suo triangolo, in altre occasioni raccontava.

La ricerca in due

Ci piace continuare in questo ambito, per cui prendiamo un altro interprete: Richard Avedon. Le sue sedute erano lunghe ed estenuanti, ma il risultato era perseguito in due: completo, affascinante, misterioso; da riguardare nel tempo.

Foto Marchi

Abbiamo scomodato i grandi forse con un po’ di presunzione. Era però necessario, per distinguersi dalla massificazione coatta di una posa (ma solo quella) che si replica troppe volte. Già stiamo affrontando il ritratto femminile, ma applichiamo le regole che abbiamo appena accennato. La costruzione viene fatta in due: per raccontare insieme. E’ un mondo reciproco quello che viene scoperto, senza falsi inganni o finte ipocrisie. Quello che ne viene fuori è la bellezza, ma specificatamente quella! Con dietro la personalità e il carattere di chi vuole posare. In un periodo di regali, un ritratto autoriale può essere un’idea. L’importante è che dietro al ricordo vi sia l’emozione, narrata a sua volta.

 

Luciano Marchi

Sono lieto anche di informarvi della nascita di una pagina Facebook, nella quale, oltre alle immagini da me realizzate sul territorio, saranno disponibili informazioni e notizie di sicuro interesse, relative al mondo fotografico e al territorio
dell’Appennino Tosco – Emiliano.
Per poter accedere a tali contenuti, è sufficiente andare sulla pagina FB e mettere “mi piace” sulla pagina, oltre che ai vari post di vs interesse che man mano verranno proposti.

 

Foto Ottica Marchi – Piazza Libertà, 74 – 40046 Porretta Terme (BO)
Tel. 0534.22.150 – info@foto-ottica-marchi.it
P. IVA 00826841207 – Cod. Fisc. MRC LCN 58A21 A558A
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi