25 Aprile – Dalle corone ai cippi all’incontro con Paolo e Luciano

Programma XXV aprile 2014 definitivoProgramma XXV aprile 2014 definitivo in pdf scaricabile.

2014/04/19, Vergato – Iniziati i festeggiamenti per la ricorrenza del 25 aprile 2014, 69° anniversario della festa della liberazione. L’amministrazione comunale con il sindaco Sandra Focci e il vicesindaco Giuliana Degli Esposti ha suddiviso su due date i festeggiameni:

il 19 aprile – La deposizione delle corone ai cippi a ricordo degli eccidi a Chiusa di Cavacchio, Castelnuovo, Boschi, Susano, Cereglio e Tolè.

il 25 aprile – A Riola e Vergato.

Vedi il video della deposizione delle corone ai cippi.

140413_Vergato_Nipoti_1Casualità ha voluto che durante la deposizione a Chiusa di Cavacchio si verificasse l’incontro tra il sindaco di Vergato, Sandra Focci e Paolo e Luciano. Due ragazzi che hanno voluto ripercorrere la strada che percorse il nonno partito militare nel 1942 e a seguito dell’otto settembre 1943 da Alba (Cuneo) percorse la nostra strada porrettana per raggiungere la sua abitazione a Ceccano (Frosinone). I ragazzi forti di un diario del nonno stanno ripercorrendo questo lungo viaggio della memoria.

Vedi il video con Paolo e Luciano di Ceccano (Frosinone)

140413_Vergato_50° Foccida http://it.wikipedia.org/wiki/Anniversario_della_liberazione_d’Italia – L’Anniversario della liberazione d’Italia (anche chiamato Festa della Liberazioneanniversario della Resistenza o semplicemente 25 aprile) viene festeggiato in Italia il 25 aprile di ogni anno.

È un giorno fondamentale per la storia d’Italia, simbolo del termine della seconda guerra mondiale nel paese, dell’occupazione da parte della Germania nazista, iniziata nel 1943, e del ventennio fascista. Convenzionalmente fu scelta questa data, perché il 25 aprile 1945 fu il giorno della liberazione di Milano e Torino. In particolare il 25 aprile 1945 l’esecutivo del Comitato di Liberazione Nazionale dell’Alta Italia, presieduto da Luigi Longo,Emilio SereniSandro Pertini e Leo Valiani (presenti tra gli altri anche Rodolfo Morandi – che venne designato presidente del CLNAI – Giustino Arpesani e Achille Marazza), alle 8 del mattino via radio proclamò ufficialmente l’insurrezione, la presa di tutti i poteri da parte del CLNAI e la condanna a morte per tutti i gerarchi fascisti[2] (tra cui Mussolini, che sarebbe stato raggiunto e fucilato tre giorni dopo). Entro il 1º maggio, poi, tutta l’Italia settentrionale fu liberata: Bologna (il 21 aprile), Genova (il 23 aprile) e Venezia (il 28 aprile). La Liberazione mette così fine a venti anni di dittatura fascista ed a cinque anni di guerra; simbolicamente rappresenta l’inizio di un percorso storico che porterà al referendum del 2 giugno 1946 per la scelta fra monarchia e repubblica, quindi alla nascita della Repubblica Italiana, fino alla stesura definitiva della Costituzione. Continua…

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi