Le zirudelle della Leggiadrina – La grê nveda d 2015

VN24_Francesca Vecchi_Disegno zirudella neve 22015/04/18, Vergato – Dopo una sosta per motivi tecnici ecco che ritornano Leggiadrina e Francesca con le zirudelle illustrate. Ancora una volta invitiamo a leggere la parte dialettale un paio di volte prima di passare alla traduzione…

A i êra ‘na volta…

La grê nveda d 2015

Zirudela d’onna nveda
Ch’a s’ha fât n’improviseda,
ai n’è gnò tènta e tènta incora
che d’in cà an s’và piò fôra.
Onna dona d’na zerta età
In mèz ai bòsch quassò la stà
E, se la nêv la dîs davera,
la sélta fôra a primavéra.
E’ so’ fiôl, preocupà,
a la ciama d’in zità:

“ Cô la név ch’ l’era prevésta,
tè et fât ogni povésta?”
“Da magnê a i n’ho ed sicûr,
basta ch’an armagna a e bûr,
se nò am tòcca bater i dent,
perché an va e’ riscaldament,
e, per fê andê e’ generator,
a i ho benzeina per pochi ôr.”

“At déggh semper ed  fê atenziô
A quêl che dis la televisiô.”
“Me a la stéva ad ascoltê,
enzi, causa ai voj quesi fê,
perché sempr lé as  e dgiva:
«La bigh snô adès l’ariva».
Me a so che bigh vôl dî un grèn quèl:
s’l’è un bigh de cinema l’è û bèl,
s e vâ anunzià in televisiô
un bigh de sport o dla canzô,
la notézzia l’è sicura:
chi l’ariva e fa figura!

E fra i polettich d’ogni clór
I ê bigh soltent i vinzidór.
Acsè aasteva quèl ed bô,
perché an so cus’l’è la snô”
Un temp l’imbroj an i era incóra
dal paról portà da fóra.
A chi in difèzzel ciacareva
e da grada sas comporteva
de piò brêv per fê la gara,
a si dgiva “ te ciacara
comme to’ medèr a t’ha insgnà”
che po’ e’ vôl dî in verità:
la léngua materna t’ê da usê,
fa soltent quél che et sê fê.
Da quî ed giornê e televisiô,
ch’as mandén spess in confusiô
cô parôl in léngua straniera,
a vê scors fati davera
in italiê, ch’l’è léngua bèla!

Tocch e dai la zirudela.

Leggiadrina 06 febbraio 2015

 

VN24_Francesca Vecchi_Disegno zirudella neve 1La grande nevicata del 2015

Zirudella di una nevicata
che ci ha fatto un’improvvisata,
ne è venuta tanta e tanta ancora
che d’in casa non si va più fuori.
Una donna di una certa età
in mezzo ai boschi quassù sta
e, se la neve viene in abbondanza,
salta fuori a primavera.
Il suo figliolo preoccupato,
la chiama dalla città:
“Con la neve che era prevista,
hai fatto ogni provvista?”
“Da mangiare ne ho sicuro,
l’importante è che non rimanga al buio,
altrimenti mi tocca battere i denti,
perché non va il riscaldamento,
e per far funzionare il generatore
ho benzina solo per poche ore.”
“Ti dico sempre di fare attenzione
a quello che dice la televisione.”
“Io so che big vuol dire una gran cosa:
un big del cinema è uno bello,
se viene annunciato in televiosione
un big del cinema o della canzone,
la notizia è sicura:
arriva uno che fa bella figura!
E fra i politici d’ogni colore,
sono big soltanto i vincitori.
Così mi aspettavo qualcosa di buono,
perché non so cos’è lo snow.
Un tempo non c’era ancora la confusione
delle parole importate da fuori.
A chi parlava in difficile
e si comportava da gradasso
per fare la gara per il più bravo,
gli si diceva “Parla
come ti ha insegnato tua madre”
che in verità vuole poi dire:
la lingua materna devi usare,
fai soltanto quello che sai fare.
Da quelli dei giornali e della televisione,
che ci mandano spesso in confusione
con parole in lingua straniera,
vogliamo discorsi fatti davvero
in italiano, che è una lingua bella!

Tocca e dai la zirudella.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi