Sandro di Roncofamone – Che bestie!

VN24_160628_Vergato_Nerina Chinni_Sandro_001 VN24_160628_Vergato_Nerina Chinni_Sandro_0022016/06/28, Vergato – Due foto dall’album dei ricordi di Nerina Chinni, il babbo Sandro con la pipa in bocca e gli animali della sua stalla. Chi ha avuto a che fare con questo periodo ne riconosce subito la cura, la pulizia praticata ogni giorno con la strigliatura e l’abbondanza del cibo visibile per la pelle ben “tirata”. Il fienile imponente sta a dimostrare l’aiuto di queste mucche per il trasporto e la sopravvivenza della famiglia prima dell’avvento delle macchine agricole, bambini e bambine come erano nelle case di una volta a sedere per terra incuranti della dimensione degli animali vicini e l’orgoglio di Sandro a farsi fotografare con i suoi animali, prima le volpi poi i cani, ora le mucche o vacche o “le bestie” come si diceva da queste parti, sembra dirci; avete visto che roba che ho io? Forse Nerina ne ricorda ancora i nomi; Bianchina, Stella, … dopo i soprannomi… anche sui nomi degli animali  come sui campi ci sarebbe da scrivere un romanzo… robe da Leggiadrina! Ogni persona, ogni animale ogni cosa aveva una sua identità unica e irripetibile. Bei tempi?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi