Pincio di Vergato, smontata la colonna pendente, quale futuro?

2018/01/12, Vergato – Un’allarme lanciato da tempo, ripreso recentemente da Ferdinando Petri (vedi collegamento in fondo alla pagina), la colonna pendente, specialmente pericolosa in caso di crollo per la gente, in sosta sotto la colonna in attesa del semaforo verde, è stata rimossa. Attendiamo, a questo punto, la ristrutturazione completa e la messa in sicurezza della struttura.

Scrive l’architetto Ferdinando Petri

Ecco, come temevamo il lampione pendente del Pincio non è più tra noi, dopo lungo pendere è finalmente volato nel paradiso dei lampioni, dove illuminerà le menti di cittadini e amministratori… Ma risorgerà, tornerà tra noi, più dritto e splendente che pria? Certo che sì. Perché questa mattina una poderosa squadra di tecnici del Settore Lavori Pubblici del Conune  (ho riconosciuto gli amici Parazza e Sabbioni ma ce n’erano altri che non cito e me ne scuso) ha piazzato un piccolo cantiere temporaneo a ridosso del Pincio e dopo aver tolto tensione ha smontato la testa del lampione (quello che da tempo pendeva verso il marciapiede) poi ha imbragato la parte alta della colonna sollevandola con il braccio della gru lLa sommità del lampione (gli ultimi tre blocchi di arenaria) si è staccata senza sforzo seguita dopo pochi minuti dal resto. Il tutto è stato portato in magazzino per i necessari ripristini Purtroppo, come temevo, il lampione NON HA un’anima metallica ed è formato solo da blocchi di arenaria ben squadrati e assemblati con un filo di malta. La cosa preoccupante è che tutti i blocchi hanno una vistosa crepa verticale che sconsiglia di praticare fori o scavi invasivi, c’è il rischio di vedersi sbriciolare ogni blocco tra le mani). Comunque sono sicuro che in magazzino sapranno fare un buon lavoro e che il lampione storico tornerà presto al suo posto in perfetta forma grazie all’ottimo personale dell’Ufficio Tecnico. E stavolta sono ben felice di NON fare critiche al nostro Comune, bravi, avanti così. E ricordiamoci anche delle altre magagne (strada vecchia della Carbona, ponte degli archi, palazzina ex dispensario, ponte ANAS, strada provinciale per Cereglio ecc. ) Buon lavoro!

Ferdinando Petri

L’articolo precedente

Ferdinando Petri – Piange il Pincio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Al fine di evitare spam tra i commenti vi invitiamo ad inserire la stringa che vedete qui rappresentata nello spazio successivo.

Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input
 = 
Grazie della collaborazione.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi