Il soul trionfa a Vergato – Serata in piazza con gli artisti del Porretta Soul Festival 2019

2019/11/30, Vergato – Continuano le pubblicazioni degli eventi che si sono succeduti nell’estate vergatese 2019.

Tra i maggiori eventi musicali l’ormai classico appuntamento della “Serata del Soul” dove il direttore artistico del Porretta Soul Festival, vergatese (non dimentichiamolo!) Graziano Uliani ci porta i migliori artisti che si sono esibiti nelle quattro serate porrettane.

Piazza piena e pubblico entusiasta anche quest’anno come si può vedere nella sintesi con le immagini di Maria Rosa M.

Partenza con i saluti dell’amministrazione comunale, un quadro dell’artista/assessore alla cultura, PatGamb (Patrizia Gambari) donato a Graziano Uliani dal consigliere Taddeo Gardenghi a nome dell’intera amministrazione e poi… via di corsa per alcune ore in un susseguirsi di artisti e applausi, salto della batteria e abbracci nel finale al nostro amico, il tuttologo Luciano Galli sempre presente in prima fila. Viva Vargà!

Anthony Paule Soul Orchestra Revue con (in ordine di apparizione):

Khylah B., Sandy Griffith, Larry Batiste, Omega Brooks, Jerry Jones, Chilly Bill Rankin, Jerry & Chilly, Wendy Moten, Annika Chambers, Bill Ortiz (tromba), Wee Willie Walker, Tony Wilson The Young James Brown.

Una serata in completo relax ,  quella consueta di Vergato, della californiana Anthony Paule Soul Orchestra di undici elementi, che  è stata l’ossatura della 32esima edizione del Porretta Soul Festival  e che ha ripetuto la sua solidissima routine, nelle 4 sere porrettane, al servizio di ospiti come i coinvolgenti memphisiani Chilly Bill Rankin e Jerry Jones, dinamico duo ispirato agli anni d’oro di Sam & Dave, e l’elegante Wendy Moten, scelta stavolta come interprete del sempre popolare repertorio di Aretha Franklin. Paule ha riavuto con sé il vocalist Larry Batiste, direttore musicale dei Grammy, e il magnifico veterano Wee Willie Walker purtroppo scomparso pochi giorni fa,  minuscolo campione di deep soul da dopolavoro di provincia e reduce del grande successo ai recenti Blues Awards. Ma ha accompagnato anche la sensuale chicagoana Khylah B e il suo eccentrico concittadino Tony Wilson, che calca le scene con sembianze e movenze da “giovane James Brown”, con tanto di piroette, salti mortali e giochi con l’asta del microfono. Wilson, che era accompagnato da una violinista semiclassica cinese, Judy Lei,  ha dato spazio anche al funanbolico batterista D’Mar.

Si è applaudito, da Houston, l’esordio sull’Appennino della verace e conturbante Annika Chambers. 

Graziano Uliani, art director Porretta Soul Festival

Alcuni fotogrammi tratti dal filmato con le immagini della serata a Vergato.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi