Stefano Pozzi – Il poeta vergatese ai tempi del Coronavirus

2020/03/24, Vergato – Stefano Pozzi, “il comandante” con il suo passato di Vigile-Poeta lo avevamo già incontrato sul palco del Cinema Nuovo in varie occasioni oppure al Premio di Poesia “L’Incanto del Verde” di Labante peraltro vincitore in più occasioni di premi a livello nazionale ma la sorpresa, direi gradita, ci è arrivata con la sua nuova opera dedicata ai nostri giorni con un nemico invisibile che dovremo abituarci a conviverci per un po di tempo.

Tempo di Corona

poesia di Stefano Pozzi

Non si sarebbe detto
se non per fantasia;
nessuno ci pensava
neanche per scommessa,
a questa pandemia.
Chi avrebbe mai previsto,
nemmeno con la scienza,
che nel duemilaventi,
di tutto ‘sto progresso
ne avremmo fatto senza.
Tutta l’Italia è unita,
si percepisce ad occhio;
guardando all’orizzonte
combatte lo sgomento,
lo fa stando in ginocchio.
Lo chiamano “Corona”,
e viene da lontano;
rendendosi invisibile
si annida tra la gente,
ti uccide se sei anziano.
Più cresce quel contagio,
più sale la tensione;
negli ospedali è crisi,
e fioccano gli appelli
alla televisione.
In tanti stanno a casa,
si chiudono le scuole;
un mare di decreti
che fermano le imprese:
morire non si vuole.
Ma l’italiano è forte,
alla sua buccia tiene;
di fronte a questa sorte
sa come reagire,
ed urla che ANDRA’ BENE!

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi