Giuseppe Nanni – Divieto di sperimentazione e/o istallazione della tecnologia 5G nel Comune di Alto Reno Terme

2020/05/13, Porretta – Una notizia che sicuramente farà discutere… la segnala Dubbio;

Giuseppe Nanni – Divieto di sperimentazione e/o istallazione della tecnologia 5G nel Comune di Alto Reno Terme

IL SINDACO
Premesso: ….. (estratto)

che il 5G si basa su microonde a radiofrequenze più elevate dei precedenti standard tecnologici, anche dette “onde millimetriche”, che comportano due applicazioni principali: maggiore energia trasferita ai mezzi in cui le radiofrequenze vengono assorbite (in particolare i tessuti umani) e minore penetrazione nelle strutture solide, per cui vi è la necessità di un maggiore numero di ripetitori (a parità di potenza) per garantire il servizio;

che le radiazioni del 5G vanno a sommarsi a quelle della telefonia mobile attuale ed è quindi necessario valutare l’impatto sulla salute pubblica, sulla flora e sulla fauna, della sommatoria degli effetti biologici causati dall’esposizione sinergica a tutte queste frequenze insieme;

che spetta al Sindaco di accertarsi nelle competenti sedi, per le conseguenze di ordine sanitario che dovessero manifestarsi a breve, medio e lungo termine nella popolazione residente nel territorio comunale;

fronteggiare la minaccia di danni gravi ed irreversibili per i cittadini, di adottare le migliori tecnologie disponibili e di assumere ogni misura e cautela volte a ridurre significativamente e, ove possibile, eliminare l’inquinamento elettromagnetico e le emissioni prodotte ed i rischi per la salute della popolazione;

che la tecnologia 5G identifica un classico esempio di cosiddetto “ignoto tecnologico” che produce “esposizione passiva involontaria” dei cittadini, e dunque un fatto umano nuovo, frutto di azioni umane che si impongono su altri soggetti umani, di cui non si conoscono bene gli effetti sulla vita e sulla salute umana e di tutti gli altri esseri viventi;

• che nel 2011 la IARC (International Agency for Research on Cancer) ha classificato i campi elettromagnetici delle radiofrequenze come possibili cancerogeni per l’uomo;

• che la Legge nazionale 36/01 è finalizzata alle “protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici”;

TUTTO CIO’ PREMESSO

Ravvisata la necessità di attendere gli esiti delle valutazioni epidemiologiche e di salute pubblica, nonché le più complessive valutazioni da parte dei competenti organi di diritto comunitario e nazionale, al fine di per poter adempiere alle linee guida nazionali in merito all’espansione delle reti di telecomunicazione sul territorio da parte delle imprese autorizzate.

• Visto l’art. 54 c.4 D.L.gs 267/2000.
ORDINA
di vietare a chiunque la sperimentazione o installazione del 5G sul territorio del Comune di Alto Reno Terme, applicando il principio precauzionale sancito dall’Unione Europea e dall’alt. 3/ter del D.L.gs n. 152/2006, in attesa dell’emanazione di linee guida aggiornate da parte gli organismi di tutela della salute e dell’ambiente nazionali e regionali basati sui dati scientifici più aggiornati, fra i quali la nuova classificazione della cancerogenesi delle radiofrequenze 5G annunciata dall’International Agency for Research on Cancer.

Vedi documento originale in pdf; ordn21_2020_13660_537

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi