Chiesa di Vergato – La parola al progettista ing. Rodolfo Rettazzi

2014/10/15, Vergato – In questa relazione dell’ing. Rodolfo Rettazzi, il progettista della Chiesa Arcipretale del Sacro Cuore di Gesù di Vergato, ci vengono illustrati i motivi della scelta del progetto, le ditte che hanno partecipato  e non ultime le dimensioni “in lungo e in largo” dell’edificio che ogni giorno abbiamo davanti agli occhi. (Foto e documento: APV-Vergato, per gentile concessione)

APV_Foto_01_207 copia APV_Foto_01_206 copia APV_Foto_01_205 copia

 

 

 

 

Allorché si trattò di progettare « la nuova chiesa di Vergato, dove­vano essere presi in considerazio­ne due dati di fatto: il terreno scelto per la costruzione e l’im­porto, dei lavori a carico dello Sta­to, derivante dalla valutazione della Chiesa distrutta dalla guer­ra. Non accenno nemmeno alle lunghe vicende che portarono al­la disponibilità del terreno, sul quale aveva posato gli occhi l’Ar­ciprete (mons. Enzo Pasi) fino dal momento della distruzione della vecchia chiesa; osserverò solo come ben difficil­mente si sarebbe potuto pensare ad una ubicazione più appropriata: centralissima e appartata nel medesimo tempo, al posto d’ono­re di un ampio piazzale, già reso decoroso e degno di rispetto dalla sua destinazione a parco senza altri edifici che serrassero troppo da vicino, con un ampio spiazzo e il torrente Vergatello, dietro. Su questo terreno doveva venire eretto il nuovo tempio col suo campanile, disponendo dell’im­porto a carico dello Stato (30 milioni di lire, ivi compresi l’or­gano e la parte essenziale dell’ar­redamento), e prevedendo di ag­giungere, appena possibile, la ca­nonica ed i locali necessari per la vita parrocchiale.

APV_Foto119 copia APV_Foto115 copia APV_Foto114 copia

 

 

 

 

Nella progettazione della chie­sa fu facile attenersi allo schema caro all’Arciprete, in quanto si tratta di uno schema consacrato dai primi fasti della Chiesa e collaudato dalla pratica di diciassette secoli, mentre in molti casi ben risponde tutt’oggi a sani criteri di economia: lo schema basilica­le a tre navate. Si potrebbe obiet­tare che, con i mezzi offerti dalla tecnica moderna, non c’è bisogno di interrompere lo spazio con colonne o pilastri, ma si può ri­spondere che l’interruzione di un grande spazio porta tuttavia a vantaggi economici, sia per il mi­nore costo degli elementi di co­pertura, sia per la minore, altez­za che si può raggiungere pur con­servando proporzioni ariose e dignitose fra altezza e larghezze; d’altra parte le colonne (di di­mensioni tali da non ostacolare seriamente la visibilità) delimi­tano opportunamente la navata maggiore, destinata ai fedeli che assistono ai sacri riti, dalle nava­te minori, che servono per disim­pegno e per contenere i confessio­nali e la « Via Crucis» e su cui si aprono le cappelle minori e il battistero.

APV_Foto113 copia APV_Foto103 copia APV_Foto102 copia

 

 

 

 

Nella estrema sobrietà delle li­nee e nella necessaria modestia dei materiali e della decorazione, si è avuto cura di accentuare, col­la gerarchia dei valori impiegati, la gerarchia di dignità degli oggetti e dei luoghi: così, ad esem­pio, la decorazione pittorica è concentrata attorno all’altare .maggiore; il marmo è riservato in special modo agli altari, al fon­te battesimale, alle balaustre ed agli amboni; i pavimenti, «alla   palladiana »   nel   presbiterio; nelle cappelle e nel battiste­ro.

Non mi dilungo in descrizioni, solamente mi piace accennare al­le opere d’arte che vengono ad arricchire fin da ora il sacro edi­ficio: la grande pittura absidale, composta a tempo di primato dal prof. Luciano Bettini, molto ben riuscita dai punti di vista religio­so e pittorico, ed anche bene spo­sala coll’architettura della chiesa, di cui valorizza gli elementi su­perando brillantemente molteplici difficoltà che la costringevano; la « Via Crucis », a bassorilievo in terracotta, modellata con ori­ginalità e vigoria dal prof. Gildo Alti, e la Madonnina del Battistero, dolcissima tavoletta umbra del ‘400, donata dalla signorina Carolina Vitali seguendo i desideri del defunto cognato cav. Emilio Veggetti.

APV_Foto101 copia APV_Foto109 copia APV_Foto103 copia

 

 

 

 

* *  *

Un particolare riconoscimento è dovuto agli Enti pubblici che hanno facilitato le pratiche laboriose da cui è dipesa la ricostru­zione della chiesa, e in particola­re alla Direzione Generale dei Servizi Speciali del Ministero dei Lavori Pubblici, al Provveditora­to alle Opere Pubbliche per l’Emilia e all’Ufficio del Genio Ci­vile di Bologna.

I lavori sono stati condotti « in concessione » dall’Arciprete di Vergato, che si è valso del consiglio dell’Amministrazione Par­rocchiale, e diretti dallo scriven­te progettista, colla valida assistenza del geom. Renzo Tebaldi. E’ doveroso menzionare tutte, le Imprese che hanno contribuito all’esecuzione dell’opera, perché tutte, dai Dirigenti alle maestran­ze, si sono adoperate con perizia e passione alla sua migliore riuscita: dall’impresa geom. Renato Marani di Bologna, appaltatrici delle opere murarie, alla Ditta Fratelli Vecchi di Vimignano fornitrice dei manufatti e delle balze in arenaria; dalla Ditta Generali di Bologna, esecutrice dei pavimenti alla veneziana e alla palladiana, alle Ditte Mauro Cavara di Bologna e Vittorio Bernardi di Vergato esecutrici dei lavori in marmo: dalla Ditta Dia­manti Fuzzi Donali di Vergato (infissi e arredamento in legno) alla Ditta Severino Gardesani di Bologna (lavori in bronzo e otto­ne) e alla Ditta Fratelli Prati di Marzabotto (lavori in ferro bat­tuto); dalla Ditta Livio Gasparri di Bologna (impianti elettrici) al­la Ditta Pietro Gombi di Bologna (tinteggiature e lavori di modellazione); dalla Ditta Armando Pasta di Cremona (organo, su progetto dell’ing. Ugo Ughi) alla Ditta Cav. Cesare Brighenti di Bologna (concerto di quattro campane e relativa incastellatura).

APV_Foto107 copia APV_Foto106 copia APV_Foto105 copia

 

 

 

 

Divina Provvidenza, che ha volu­to quest’opera e ne ha voluto il compimento senza il minimo in­cidente, un plauso particolare va all’Arciprete, che con saggezza, tenacia, pazienza e con quel suo caratteristico e comunicativo ottimismo che altro non è se non fi­ducia grande nella Divina Prov­videnza, di questa Provvidenza si è fatto efficace o prezioso stru­mento, ben coadiuvalo da tutti i parrocchiani, che colle preghie­re e con offerte generose e nume­rosissime hanno fallo sì che la Casa del Signore, possa dirsi an­che la « loro » casa.

Per  fnire alcuni dati numerici:

Chiesa :

lunghezza esterna m. 35,50
»      interna        m. 31,50

larghezza   facciata           m.  19.00

»         interno    m.  17,40

navata maggiore  (int.) m. 9,00

altezza facciata     m.   18.00

»        navata maggiore (int.)  m.  13.30

superficie  coperta         mq.    582
»      interna         mq.    476

»     a  disposizione dei fedeli   mq.   356

– Campanile ;
altezza esclusa la cu­spide     m. 25,50

»       compresa la cuspide       m. 35.50

*  *  *

Ma, finito di parlare di ciò che è stato fatto non è fuori luogo un accenno a ciò che rimane da fare: la chiesa appare sostanzial­mente finita, ma tutti ben sap­piamo (e possiamo immaginare quante piccole e grandi cose po­tranno aggiungersi a maggiore completezza o a, maggior decoro; anche la facciata rimane in atte­sa dei muri di cinta che la congiungano cogli edifici che la fiancheggiano e dei relativi zoccoli in pietra. Ma soprattutto mancano tutt’ora gli edifici senza di cui la chiesa, in una parrocchia mo­derna, è incompleta, quasi un’a­nima senza corpo: la canonica e l’oratorio. Dovranno essi sorgere presso il presbiterio della chiesa, l’una a ponente e l’altro a levan­te, e contenere l’una i locali ne­cessari per l’alloggio del Clero, per gli uffici e per le associazioni parrocchiali, oltre a quelli a ser­vizio diretto del culto (a comple­mento della piccola sagrestia già costruita), e l’altro i locali per la dottrina cristiana e per ricrea­torio dei ragazzi; fra questo e il campanile dovrà trovare posto il salone parrocchiale. A quanto la loro inaugurazione?

Ing.  Rodolfo  Rettazzi

 APV_Foto120 copia APV_Foto118 copia APV_Foto117 copia APV_Foto121 copia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi