Ferdinando Petri – Il canale della Botte

2018/06/04, Vergato – Il canale della Botte

Quasi ogni giorno, tornando a casa dalla mia passeggiata terapeutica, devo assistere all’agonia del Pincio, sempre più decrepito e pericolante. Poi, attraversata la Porrettana, all’angolo tra via Minghetti e via Primaveri vengo assalito da un tremendo puzzo di fogna che si sprigiona dal pozzetto del vecchio canale della Botte. E’, come sanno i vecchi come me, dell’antica opera idraulica che dal ponticello delle Fornaci portava l’acqua del Vergatello ai mulini di via Bacchetti. Il punto da cui si sprigiona il fetore è la biforcazione del canale:un ramo prosegue sotto il Pincio costeggiando i giardini. un altro prosegue per via Roma, attraversa la piazza dei Capitani e imbocca via Bacchetti per poi scaricare nel Reno. Col tempo, cessata l’attività dei mulini, il canale è diventato un collettore fognario. Niente di strano e niente di male, perché ogni tanto si facevano dei lavaggi con l’acqua del Vergatello. Anzi, nei primi anni ’90, su progetto del geom. Gozzoli l’opera di presa (quella che si vede nella foto) fu ristrutturata e resa più funzionale. Da allora e fino al 1996 (anno in cui cambiai lavoro) ogni settimana aprivamo la saracinesca per fa rentrare nel canale le acque del Vergatello e assicurare la necessaria pulizia del collettore fognario. E guai dimenticarsene: i cittadini vigilavano su questa semplice ma importante operazione, e il sindaco ci teneva ad esserne informato. Perché adesso non si fa più, cari assessori e sindaco? L’igiene del paese ci guadagnerebbe assai, e senza spesa. Potreste affidare l’apertura e chiusura settimanale della saracinesca a dei volontari, così da non distogliere i pochi operai comunali rimasti dalle loro occupazioni. Grazie, per la puzza in meno che ci farete sentire.

Ferdinando Petri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Al fine di evitare spam tra i commenti vi invitiamo ad inserire la stringa che vedete qui rappresentata nello spazio successivo.

Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input
 = 
Grazie della collaborazione.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi