Vergato festeggia i 100 anni della signora Lea Bisonti

2020/08/05, Vergato – Ancora festeggiamenti per la signora Lea, dopo i filmati con le testimonianze raccolte da Graziano Uliani precedentemente pubblicate ecco ulteriori fotografie e gli auguri che si aggiungono per il traguardo dei cento anni raggiunto.

Vergato festeggia i 100 anni della signora Lea Bisonti, ospitata da una casa per anziani che ha saputo proteggerla dal Covid. 

Ha compiuto cento anni, a Vergato, la signora Lea, che dopo aver perso il marito nei bombardamenti del ‘43 è scampata all’attentato di Piazza Fontana e alla bomba alla stazione di Bologna. Ma nonostante tutto Lea non perde il sorriso e rivela che lavorare e mangiare sono l’elisir di lunga vita

La signora Lea Bisonti ha festeggiato il compleanno lo scorso giovedì 30 luglio con amici e parenti, e fin qui non ci sarebbe niente di insolito, se non fosse che la signora Lea è nata nel 1920 e quindi di anni ne ha compiuti cento.

I festeggiamenti con parenti e operatori si sono tenuti nella residenza per anziani “Gigi Bontà” di Vergato, dove Lea risiede da un paio d’anni, e sono stati l’occasione per l’amministrazione comunale per ringraziare i gestori di questa struttura che sono riusciti a superare indenni l’emergenza legata alla pandemia di Covid-19. Il sindaco Giuseppe Argentieri infatti commenta: «Faccio gli auguri alla signora Lea e colgo l’occasione per sottolineare che il comportamento del personale di questa struttura è stato encomiabile. Hanno saputo bloccare in tempo le visite e attuare i protocolli per proteggere i loro ospiti, e per questo li ringrazio. Se la signora Lea è qui a festeggiare i cento anni è merito anche loro».

In effetti anche per la festa le procedure sono state molto attente: per concedere l’accesso al giardino esterno riservato agli incontri con i familiari, questi ultimi sono stati tutti sottoposti a triage telefonico nei giorni precedenti alla festa e a verifica della temperatura corporea e della eventuale sintomatologia tramite check-list compilata al loro ingresso. Inoltre è stato disposto l’obbligo di mantenere la mascherina, dell’igiene delle mani tramite soluzione alcolica e del distanziamento di almeno un metro dall’ospite.

Nata a Vergato, la signora Lea ha vissuto a lungo a Milano dove faceva la collaboratrice scolastica (allora si chiamavano “bidelli”) presso un istituto d’Arte a Monza. La signora ha un figlio, Ivano, che ha cresciuto da sola dopo aver perso il marito durante il bombardamento di Vergato nel 1943, un nipote Gabriele e una sorella, la signora Maria.

Durante gli anni a Milano, ha assistito in prima persona all’attentato di Piazza Fontana del dicembre 1969 ed è scampata per un pelo allo scoppio della bomba alla stazione di Bologna il 2 agosto del 1980, dove era appena scesa dal treno da Milano per recarsi a Vergato dai genitori.

Nonostante la vita travagliata, Lea è sempre allegra e sorridente e mostra un approccio alla vita molto ottimista e positivo. Ama la musica e ballare in compagnia e soprattutto ama molto cucinare, cosa che faceva sempre per amici, parenti e vicini, poiché le piace molto aiutare le altre persone. I fortunati che a Natale hanno ricevuto le sue torte infatti ne conservano un bellissimo e gustoso ricordo.

Alla domanda qual è l’elisir di lunga vita ha risposto: lavorare tanto e mangiare bene.

Fonte e foto: Ufficio Stampa Unione dei comuni dell’Appennino bolognese

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi