“Donna non rieducabile”: grande attesa a Marzabotto per lo spettacolo di Ottavia Piccolo sulla giornalista Anna Politkovskaja

2019/07/09, Marzabotto – “Donna non rieducabile”: grande attesa a Marzabotto per lo spettacolo di Ottavia Piccolo sulla giornalista Anna Politkovskaja.

Terzo appuntamento per la rassegna teatrale organizzata nel parco archeologico di Marzabotto che nelle prime due serate ha fatto registrare la presenza di centinaia di partecipanti. Ottavia Piccolo racconterà la vicenda della giornalista russa Anna Politkovskaja, uccisa nell’ottobre 2006 a Mosca: il tema della libertà di stampa rimane quanto mai attuale. 

8 luglio  – C’è molta attesa a Marzabotto per la terza serata della rassegna “Sere d’estate al parco archeologico dell’antica Kainua” diretta da Marco Montanari. Il 12 luglio alle 21 infatti Ottavia Piccolo presenterà Donna non rieducabile: scritto da Stefano Massini e diretto da Silvano Piccardi, è l’adattamento in forma teatrale di brani autobiografici e articoli di Anna Politkovskaja, la giornalista trovata morta il 7 ottobre 2006 nell’androne della sua casa moscovita, uccisa da quattro colpi di arma da fuoco. Uno spettacolo che serve a capire e a ricordare un omicidio di cui non sono ancora stati individuati i colpevoli, a più di dieci anni dalla morte della giornalista.

Il titolo “Donna non rieducabile” deriva la definizione della giornalista di “Novaja Gazeta” che ne diede la polizia russa. Durante lo spettacolo Ottavia Piccolo legge gli articoli della giornalista, cronista puntuale della recente storia russa, interpretandone la rabbia e lo sdegno. Con l’immediatezza e l’atmosfera delle parole dell’autrice si svela il periodo successivo al crollo del Regime sovietico, quell’avvio verso una nuova democrazia, segnato però da tanti episodi tragici raccontati dalla giornalista.

Come la strage del 2002 nel teatro moscovita Dubrovka: attori e pubblico furono presi in ostaggio da un gruppo terroristi ceceni, che chiedevano il ritiro delle truppe russe dalla Cecenia. Dopo un assedio durato due giorni l’esercito russo intervenne con un attacco con il gas, provocando la morte dei terroristi ma anche di centinaia di civili. Altra tragedia di quegli anni fu quella della scuola di Beslan, nel 2004: fondamentalisti islamici e separatisti ceceni occuparono un edificio scolastico sequestrando circa 1200 persone fra adulti e bambini. Tre giorni dopo le forze speciali russe fecero irruzione, e lo scontro che ne seguì causò la morte di più di trecento persone, per la maggioranza bambini, e oltre 700 feriti. Tutto fu raccontato, analizzato e documento dalla Politkovskaja sulle pagine dell’indipendente “Novaja Gazeta”, un giornale liberale particolarmente impegnato nella lotta alla corruzione.

Lo spettacolo rappresenta un piccolo grande “caso” della scena teatrale italiana, in cui Ottavia Piccolo dà voce allo smarrimento, all’orrore, alla dignità e anche all’ironia di questa donna indifesa e tenace, con il rigore e l’intensa partecipazione di una attrice che in quei valori di libertà si identifica fino in fondo. Le sue letture sono accompagnate dalle musiche per arpa composte ed eseguite dal vivo da Floraleda Sacchi.  La tematica è quanto mai attuale, se si tiene conto dei rischi che tanti giornalisti corrono anche nel nostro paese per esprimersi liberamente e difendere la propria deontologia professionale.

Lo spettacolo costa 15 € (gratis per chi ha meno di 14 anni). Prenotazione obbligatoria (tel. 340 1841931). In caso di maltempo si terrà presso il Cinema Teatro Nuovo di Vergato. Prerogativa della rassegna è quella di far precedere gli spettacoli da una visita guidata gratuita alle 18.30 al museo e al parco archeologico a cura della Direzione del Museo, seguita, per chi vuole, da aperitivo e piccolo buffet (8 € a persona).

La rassegna sarà conclusa il 18 luglio da Giorgio Comaschi e il suo “Marconi, l’uomo che ha cambiato il mondo”,  lo spettacolo su Guglielmo Marconi che sviscera i punti essenziali della sua vita e delle sue scoperte in bilico fra il racconto giornalistico e le suggestioni teatrali. “Sere d’estate” è promossa dal Comune di Marzabotto con il contributo dell’Unione dei comuni dell’Appennino bolognese e in collaborazione, fra gli altri, con la Destinazione Turistica della Città metropolitana, il Museo “Pompeo Aria”, la Soprintendenza Archeologia dell’Emilia-Romagna, l’assessorato alla cultura della Regione Emilia-Romagna.

Fonte e foto; Ufficio Stampa Unione dei comuni dell’Appennino bolognese –

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d bloggers like this:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera,
acconsenti all'uso dei cookie.
Maggiori informazioni

Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi

  • Statistica - Wordpress Stat
    Dati Personali: Cookie e Dati di utilizzo
La privacy policy completa può essere consultata alla pagina dedicata.

Chiudi